Volley A1, classifica aggiornata migliori 5 giocatrici per categoria, 2 sorpassi importanti e un dato curioso

Pubblicato il autore: Antonio Villani

Volley-A1-classifica
Volley A1, di pari passo alla classifica dei club che vede al termine del girone di andata Conegliano in vetta, continua quella delle migliori performance delle giocatrici nella categoria punti realizzati, muri ed ace. C’è da registrare un doppio sorpasso importante.

Volley A1, le migliori 5: 2 sorpassi

Si è registrato un sorpasso importante nella classifica di volley A1 delle migliori 5 realizzatrici. La belga Britt Herbots di Firenze ha superato la svedese di Conegliano Isabelle Haak raggiungendo il terzo posto. La sua splendida prestazione fatta di 31 punti non è stata sufficiente ad aiutare Firenze uscita sconfitta nel derby contro Scandicci. L’altro sorpasso riguarda la classifica dei muri. Juliet Lohuis di Casalmaggiore ha superato Bozana Butigan di Bergamo. La vittoria di Casalmaggiore è avvenuta proprio contro Bergamo.Vediamo nel dettaglio le varie classifiche aggiornate.

Le classifiche aggiornate

Classifica realizzatrici: 1 Ebrar Karakurt (Novara 264 punti); 2 Rosamaria Montibeller (Busto Arsizio 241 punti); 3 Britt Herbots (Firenze 210 punti); 4 Isabelle Haak (Conegliano 208 punti); 5 Sofya Kuznetsova (Cuneo 208 punti).
Classifica muri: 1 Anna Gray (Pinerolo 50 muri); 2 Juliet Lohuis (Casalmaggiore 44); 3 Bozana Butigan (Bergamo 43); 4 Linda Nwakalor (Perugia 34); 5 Beatrice Molinaro (Macerata 34).
Classifica ace: 1 Ebrar Karakurt (Novara 26 ace); 2 Ekaterina Antropova (Scandicci 22 ace); 3 Helena Cazaute (Chieri 17 ace); 4 Caterina Bosetti (Novara 16 ace); 5 Danielle Micha Hancock (Vallefoglia 14 ace).

Un dato importante e curioso che balza agli occhi è che in questa speciale classifica non ci sia nemmeno una giocatrice di Milano terza forza del campionato e che ci sia una sola atleta di Scandicci seconda a soli 3 punti da Conegliano. Anche le pantere vedono presente una sola rappresentante. Volendo dare un significato a questi numeri se ne ricava una delle grandi leggi degli sport di squadra. Molto spesso per non dire sempre i grandi risultati di club non sono direttamente legati alle individualità del singolo.

  •   
  •  
  •  
  •