Coppe Europee volley femminile, i risultati di ieri delle italiane. Barbolini vince ma “tira le orecchie” alle sue

Pubblicato il autore: Antonio Villani

Volley-Coppe-Europee
Pallavolo femminile in Europa, giornate importanti di Coppe per le italiane. In attesa degli impegni di Busto Arsizio in Coppa Cev e di Milano e Conegliano in Champions League, Scandicci e Novara sono scese in campo.

Coppe europee volley femminile, i risultati di ieri delle italiane

In attesa degli impegni di oggi di Busto Arsizio in Coppa Cev e di Milano e Conegliano in Champions League, scopriamo come si sono comportate le altre italiane ieri con i risultati di giornata. Novara ha superato in casa nella 4° giornata del girone di Champions League le serbe della Stella Rossa di Belgrado. Le piemontesi si sono imposte per 3-0 (25-17, 25-15, 25-22) centrando il terzo successo stagionale. Fino a questo momento le ragazze di Stefano Lavarini si sono piegate solo di fronte al Vakif Istanbul di Paola Egonu. La Savino Del Bene Scandicci stacca invece il pass per i quarti di finale di Coppa Cev dopo aver bissato il successo dell’andata contro il Mladost Zagreb. Le ragazze di coach Massimo Barbolini si sono imposte in casa per 3-1 (25-15, 25-14, 20-25, 25-15).

Le dichiarazioni

Queste le dichiarazioni dei due allenatori italiani raccolte sul sito dei rispettivi club.

Stefano Lavarini (allenatore Igor Gorgonzola Novara): «Abbiamo avuto la bravura di rimanere in gioco nel terzo parziale, quando eravamo sotto, mentre nei primi due abbiamo gestito bene dopo un approccio molto buono, attento e concentrato. E’ stata anche l’occasione per fare qualche esperimento, visto che ci aspettano delle partite ora molto dure e importanti e in cui dunque sarà importante sapere di poter fare affidamento su tutte le atlete».

Massimi Barbolini: (allenatore Savino Del Bene Scandicci): «Brave le ragazze del Mladost a non mollare, però noi dovevamo chiudere prima la gara. Oggi hanno avuto l’occasione di giocare alcune giocatrici che hanno meno spazio, ma si tratta di un’ occasione per giocare e no di un “contentino”. Per questo bisogna andare in campo per vincere. Nel terzo set siamo stati molli, anche se poi nel quarto set siamo andati bene, come fatto più o meno in tutta la partita. Il terzo set ci deve servire da lezione, perchè una grande squadra, una formazione che vuol essere forte, queste partite deve vincerle 3-0 indipendentemente da chi si trova davanti ».

  •   
  •  
  •  
  •