All-Elite Wrestling: Hulk Hogan bandito dagli eventi della AEW

Pubblicato il autore: Vinz Segui

Hulk Hogan è stato bandito da tutti gli eventi della All-Elite Wrestling (federazione che vanta nel circus atleti del calibro di Chris Jericho e Adam Page – ndr). La decisione inaspettata è arrivata direttamente dal fondatore, l’imprenditore Tony Khan (co-proprietario anche del Fulham – ndr), a seguito di un tweet postato da Linda, ex moglie del leggendario wrestler dalla chioma bionda.

Il tweet dell’ex moglie di Hulk Hogan

Linda in riferimento alle proteste di Minneapolis, successive all’ingiusta morte di George Floyd, ha deciso di dire la sua su Twitter: “Guardo le foto dei saccheggi e sono tutti afroamericani: non sono certa che il furto e il saccheggio siano il modo migliore per ottenere giustizia, se vogliono essere ascoltati devono essere educati”. Il post surclassato di critiche dagli utenti, è stato successivamente rimosso dall’autrice. Tony Khan leggendo il tweet ha deciso di rispondere a Linda attraverso la stessa piattaforma social: “Ora ti sei unita a tuo marito nell’essere bandita da tutti gli spettacoli dell’Aew. Congratulazioni”.

Hulk Hogan e i suoi precedenti di razzismo

Non si comprendono bene le motivazioni per cui anche Hulk Hogan sia stato coinvolto in questa decisione di Tony Kahn. Probabilmente un ruolo fondamentale è stato giocato dai precedenti del wrestler. Hulk Hogan fu allontanato dalla WWE nel 2015 (riammesso poi nel 2018 – ndr) a seguito di alcuni commenti razzisti ripresi da una registrazione.

  •   
  •  
  •  
  •