Atp Miami 2018: Del Potro fa 15 ed accede in semifinale dopo la rimonta su Raonic (Video Highlights)

Pubblicato il autore: Mattia Orlandi Segui

INDIAN WELLS, CA - MARCH 19: Roger Federer (L). of Switzerland, serves against Stanislas Wawrinka of Switzerland in the mens final during day fourteen of the BNP Paribas Open at Indian Wells Tennis Garden on March 19, 2017 in Indian Wells, California. (Photo by Kevork Djansezian/Getty Images)

La prima semifinale del Masters 1000 di Miami sarà tra l’argentino Juan Martin Del Potro e lo statunitense John Isner. La torre di Tandil, testa di serie n°5, ha sconfitto in rimonta il canadese Milos Raonic, per 5-7 7-6(1) 7-6(3) in due ore e cinquantasei minuti: si tratta della quindicesima vittoria consecutiva; il nativo di Greensboro ha invece avuto la meglio sul coreano Hyeon Chung con il punteggio di 6-1 6-4 in un’ora e nove minuti. I precedenti tra Del Potro ed Isner parlano di un 6-3 in favore del primo, che punta alla doppietta dopo aver vinto ad Indian Wells, nonché al terzo titolo di fila (con anche Acapulco), dopo che nell’ultimo precedente, sul cemento indoor di Parigi-Bercy,lo statunitense impedì all’argentino di qualificarsi per le Atp Finals 2017.

Juan Martin Del Potro b. Milos Raonic 5-7 7-6(1) 7-6(3)

Prima di questo incontro, i precedenti erano in perfetta parità (2-2). Nel primo set la fanno da padrone i servizi, infatti sino al dodicesimo game nessuno dei due contendenti concede una palla break; il primo a cedere è l’argentino e il canadese chiude il parziale per 7-5 in 50′.

Il secondo parziale è molto simile al primo, ma questa volta Milos Raonic non concretizza una palla break sul 3-2 in suo favore e ciò gli costerà caro: arrivati al tie-break Del Potro lo domina per 7 punti ad 1 e si aggiudica il set dopo un’ora e due minuti.

Nel set decisivo vede cambiare qualcosa, almeno inizialmente: i due contendenti si scambiano break e contro-break nei primi quattro giochi. Nel quinto game l’argentino deve salvare due ulteriori palle break ma anche questo parziale verrà deciso dal tie-break: ancora una volta Milos Raonic cede e Del Potro agguanta la semifinale, vincendo il tie-break per 7-3 dopo un’ora e quattro minuti.

Al termine del match l’allenatore del canadese, Goran Ivanisevic, si scaglia contro l’argentino per aver utilizzato, ancora una volta, il Medical Time Out: “Del Potro si sta comportando come se fosse infortunato. Cammina lento. E’ un maestro nel fare questo. Lo ha fatto anche ad Indian Wells contro Milos”. La difesa di Del Potro arriva subito dopo: “Non sapevo nemmeno cosa dire al fisioterapista perché mi facevano male così tante cose che non potevo nemmeno spiegarglielo. Ho dolore da tutte le parti e fisicamente sono al limite”.

John Isner b. Hyeon Chung 6-1 6-4

Nel primo incontro di giornata di sono affrontati lo statunitense e il coreano, con un head to head che recitava 2-1 in favore del primo. Il primo set vede un Isner davvero in palla anche negli scambi da fondo, con Chung piuttosto sottotono: il risultato di ciò è un netto 6-1 in appena 26′, con appena due punti concessi dallo statunitense nei propri turni di servizio.

Nel secondo parziale è leggermente diverso, con il coreano che ha avuto l’unica chance di break nel quarto game ma poi è costretto a cedere il servizio nel successivo, perdendo dunque per 6-4 in 43′. Con questa vittoria Isner si assicura il rientro in top-10 a partire da lunedì 2 aprile.

Gli ultimi due quarti di finale: Anderson contro Carreno Busta e A.Zverev contro Coric

Nella giornata odierna, 29 aprile, si concluderanno i quarti di finale del Masters 1000 di Miami: alle 21.00 italiane scenderanno in campo Kevin Anderson e Pablo Carreno Busta, con il primo che ha vinto tutti e quattro i precedenti e quindi parte favorito. All’01.00 (orario italiano, le 19.00 in Florida) si affronteranno invece Alexander Zverev e Borna Coric, nell’incontro più interessante del programma: 2-0 per il croato nei precedenti e favorito anche alla luce degli ultimi risultati ottenuti negli scorsi tornei.

  •   
  •  
  •  
  •