Cristiano Zanetti a SN: “Juventus favorita sulla Roma. Tommasi profilo giusto per la presidenza della federcalcio”

Pubblicato il autore: Diego Grossi Segui


In occasione del big match della diciottesima giornata di Serie A, Juventus – Roma, la redazione di SuperNews ha intervistato, in esclusiva, un doppio ex: Cristiano Zanetti.

L’ex centrocampista, classe 77’, ha indossato nella sua lunga e fortunata carriera anche le maglie di Inter, Fiorentina, Venezia, Reggiana, Cagliari e Brescia vincendo due scudetti, tre Coppa Italia, una Supercoppa Italiana e un campionato europeo Under 21. Nel 2013 ha cominciato la sua carriera da allenatore.

Cristiano, dopo le avventure come allenatore nelle giovanili di Pisa e Prato, con la Berretti della Carrarese e in Eccellenza con il Pietrasanta, in questa stagione sei ripartito dalla Massese in Serie D. Come sta andando? Sei soddisfatto?
Sta andando molto bene la stagione, sono molto contento. Abbiano fatto un ottimo girone d’andata e avremo a disposizione tutto il girone di ritorno per migliorarci e cercare di raggiungere la promozione.

Hai una grande carriera da calciatore alle spalle, qual è la tua più grande ambizione come allenatore?
A me piace molto allenare e stare sul campo, sono una persona ambiziosa e vorrei raggiungere sempre il massimo però so bene che è una strada lunga e difficile. Mi piace fare passo dopo passo senza affrettarmi troppo cosi come ho fatto nella mia carriera da calciatore.

Sogni di allenare un giorno in Serie A?
Sogno di allenare in Serie A e allenare la nazionale.

Hai giocato sia nelle Roma che nella Juve quale delle due arriva più in forma alla supersfida dello Stadium?
Io credo la Juventus perché è una squadra già pronta mentre la Roma è una squadra in costruzione. Di Francesco ha gettato le basi per fare una stagione importante il prossimo anno ovviamente con qualche ritocco, quest’anno credo disputeranno un campionato da protagonista con possibilità di arrivare in Champions ma non di raggiungere lo scudetto. Di Francesco avrà bisogno di un percorso di almeno due anni, credo che i tifosi e la società debbano dare il giusto tempo ad un allenatore così bravo che ci sta mettendo del suo per rendere più grande la Roma.

Juventus campione, Roma eterna seconda: perché è così difficile vincere nella capitale? l’ultimo scudetto risale alla stagione 2000/2001 con te in campo.
È sempre difficile vincere, dappertutto non solo a Roma. C’è bisogno di una serie di circostanze, di coincidenze e anche quel pizzico di fortuna che permette anche nelle partite dove magari non rendi di riuscire a portare a casa il risultato”.

Come finisce il big match dell’Allianz Stadium?
Sarà una partita decisa dagli episodi. Quando la Juve gioca in casa penso parta leggermente favorita ma la Roma è una squadra importante. Una punizione, un calcio d’angolo o una giocata del singolo potrebbero decidere il risultato.

Quanto possibilità hanno le due italiane di superare il turno di Champions?
Entrambe hanno ampie possibilità di superare il turno, affronteranno squadre alla loro portata

Quale squadra vedi come favorita per la vittoria finale del campionato? L’ Inter di Spalletti può essere da scudetto?
Vedo Napoli e Juve favorite con l’Inter subito dietro. Non giocare le coppe costituisce un grande vantaggio per la squadra di Spalletti.

Dopo il fallimento dell’Italia di Ventura e l’esclusione dal mondiale, credi che il tuo ex compagno alla Roma Damiano Tommasi sia il profilo giusto per il dopo Tavecchio alla presidenza della Federcalcio?
Mi piacerebbe molto sia un ex calciatore e secondo me quello di Damiano è proprio il profilo giusto.

 

  •   
  •  
  •  
  •