Da talismano in Champions a riserva di lusso: la triste storia di Isco

Pubblicato il autore: Cosimo Commisso Segui
MALAGA, SPAIN - NOVEMBER 11: Isco Alarcon of Spain reacts during the international friendly match between Spain and Costa Rica at La Rosaleda Stadium on November 11, 2017 in Malaga, Spain. (Photo by Aitor Alcalde/Getty Images)

Isco – Foto originale Getty Images© selezionata da SuperNews

Francisco Alarcon, in arte Isco, non ha preso parte alla vittoria del suo Real Madrid contro la Roma. Lo spagnolo, che dall’arrivo di Santiago Solari ha collezionato soltanto panchine e qualche spezzone, è finito addirittura in tribuna nella sfida di ieri. L’allenatore gli ha preferito Vazquez e Vicinius, giustificando la scelta con un preciso riferimento all’ampia rosa a disposizione. Scelta tecnica? In patria non ci credono e parlano di attriti che potrebbero portare addirittura alla cessione. E’ stato un inizio di stagione molto particolare per il fantasista dei Blancos. Dopo l’addio di Ronaldo, infatti, i tifosi lo hanno etichettato come il sostituto perfetto, l’unico in grado di non far rimpiangere l’asso portoghese. E a dir la verità, sotto la guida di Lopetegui, i risultati personali sono più che incoraggianti. Personali, non di squadra, perchè il Real Madrid non ingrana e viene sconfitto ripetutamente, con inevitabile esonero del tecnico. Il legame tra quest’ultimo ed Isco non è passato inosservato alla stampa e tanto meno ai compagni di squadra, decisamente ostili e favorevoli al cambiamento. Sergio Ramos, che detiene il potere nello spogliatoio in qualità di capitano, pare stia incredibilmente facendo pressione a Solari per escludere l’ex Malaga dall’undici titolare. Se fosse vero, non sarebbe un gesto di cui vantarsi considerate le potenzialità del calciatore in questione. In queste ultime ore, in cui le notizie sullo spagnolo si susseguono imperterrite, l’accostamento alla Juventus si è fatto sempre più incessante.

Isco, un’intelligenza calcistica superiore

potrebbe interessarti ancheVolata Champions, l’Inter arranca: occhio ad Atalanta e Milan

I tifosi della Juventus, avendo ancora in mente le cocenti sconfitte contro il Real Madrid degli ultimi anni, conoscono bene Isco. Zidane lo schiera a sorpresa nella finale di Cardiff, al posto di uno spento Gareth Bale. E mentre tutti si chiedono il motivo della scelta, Isco fa ammattire la difesa bianconera con numeri d’alta scuola e una tecnica sublime. Ronaldo? Benzema? No. Lui riesce a disinnescare il piano di Allegri, attirando l’attenzione a suon di dribbling e procurando spazi invitanti per i compagni. Appena dieci mesi dopo, Juventus e Real Madrid si incontrano ai quarti di finale e la voglia di rivalsa è tantissima. L’andata dell’Allianz Stadium, però, “regala” una perla di Ronaldo straordinaria ed un pessimo 0-3. I video della partita enfatizzano la rovesciata del portoghese, ma le statistiche rivelano una percentuale perfetta di passaggi da parte di Isco: 57 riusciti su altrettanti tentati. Percentuale d’errore pari allo 0.

potrebbe interessarti anchePartite DAZN 19 maggio: domenica con Chievo-Sampdoria e Parma-Fiorentina, in campo anche Real Madrid e Barcellona

Zidane, nonostante qualche panchina di troppo, ne ha sempre riconosciuto il valore e lo considera uno dei calciatori più sottovalutati dell’intero panorama internazionale. A 26 anni, Isco ha vinto ogni trofeo possibile con il Real Madrid ed un Europeo Under 21 con la propria nazionale. La sensazione è che ora il suo desiderio sia quello di giocare il più possibile, anche in una squadra diversa da quella attuale. Il problema è che la volontà di un qualsiasi calciatore dei Blancos si scontra con la suprema volontà di Florentino Perez, con il quale non è semplicissimo fare affari. L’Inter, qualora non arrivasse Luka Modric, potrebbe farci più di un pensierino. Così come il Manchester United di Mourinho, al quale manca totalmente inventiva in mezzo al campo. La prossima sessione di mercato, dunque, potrebbe regalare ad Isco una destinazione gradita, in cui riuscire ad esplodere definitivamente.

notizie sul temaSassuolo-Roma streaming Dazn e diretta TV Serie A, dove vedere il match oggi 18/05Allegri tra passato, presente e futuro: una notizia che non può lasciare niente invariatoSarri, è addio con il Chelsea: la Roma ci prova
  •   
  •  
  •  
  •