Qualificazioni Euro 2020 prima giornata: vittorie per Inghilterra e Francia, solo pari per il Portogallo

Pubblicato il autore: Alessandro Pallotta Segui


A partire da Giovedì 21 Marzo sono iniziate le qualificazioni alle fasi finali del Campionato Europeo di calcio organizzato dalla Uefa che si disputerà nel 2020, alla sua 16ª edizione e in occasione dei 60 anni dalla sua nascita, la fase finale non avrà luogo in una singola nazione, ma in 12 distinte città europee con finale a Wembley e partita inaugurale allo Stadio Olimpico di Roma.

Primo turno dei gironi per le Qualificazioni Euro 2020: ecco il resoconto delle prime partite

Nelle prime dieci partite in programma il 21 Marzo, non ci sono state particolari sorprese anzi, le cosidette ‘big’ hanno tutte trionfato e trovato i tre punti per iniziare al meglio il cammino verso il prossimo Europeo. La Croazia, vice campione del mondo, si è imposta con fatica con un 2-1 contro l’Azerbaijan grazie alle reti di Barisic (44′) e Kramaric (79′) che hanno ribaltato l’iniziale svantaggio siglato da Sheyidaev (19′).
Un’altra protagonista indiscussa degli ultimi mondiali di calcio, il Belgio, invece si è imposto per 3-1 sulla Russia grazie ai goal siglate da Tielemans (14′) ed Hazard (45′, 88′), per i russi a segno Cheryshev (16′).
Tra le big vincono anche l’Olanda con un 4-0 rifilato alla Bielorussia (Depay 1′ e 55′, Wijnaldum 21′, Van Dijk 86′),  Polonia 0-1 sull’Austria (Piatek 69′) e anche la Slovacchia di Skriniar e Hamsik con un 2-0 rifilato all’Ungheria.

Nelle seconde sette partite in programma Venerdì 22 Marzo non ci sono state sorprese eclatanti tranne il pareggio casalingo a reti bianche tra il Portogallo di Cristiano Ronaldo contro l’Ucraina allenata da Shevchenko.
Le altre due Nazionali favorite scese in campo in questa giornata invece hanno vinto agevolmente: la Francia, neo campione del mondo ha battuto per 1-4 la Moldavia con le reti di Griezmann (24′), Varane (27′), Giroud (36′) e Mbappè (87′) mentre l’Inghilterra ha vinto e convinto al Wembley Stadium battendo per 5-0 la Repubblica Ceca con la tripletta di Sterling (24′, 62′ e 68′), la rete di Kane su calcio di rigore (45’+2) e l’autorete di Kalas.  Vittoria in trasferta ottenuta per due reti a zero sia dall’Islanda (con Bjarnason 22′ e Kjaransson 80′ a segno) sia dalla Turchia, grazie alle reti di Yilmaz e Calhanoglu. Nel pomeriggio la Bulgaria ha pareggiato 1-1 con il Montenegro mentre il Lussemburgo ha battuto per 2-1 la Lituania.

Italia, debutto fondamentale contro la Finlandia

Sabato 23 Marzo è la volta della Nazionale azzurra di Roberto Mancini che, dopo essersi salvata dalla retrocessione nella ‘Lega B’ della Nations League, inizierà l’avventura per qualificarsi alle fasi finali del prossimo Europeo nella sfida casalinga contro la Finlandia.
Mancini dovrà fare a meno di Florenzi e Chiesa (entrambi out per problemi muscolari) e starebbe pensando di schierare gli azzurri con il 4-3-3 con Immobile, sostenuto da Kane e Bernardeschi, alla guida dell’attacco. Confermato il ‘centrocampo leggero’ costituito da Jorginho, Verratti e Barella.

ITALIA (4-3-3): Donnarumma; Piccini, Bonucci, Chiellini, Biraghi; Barella, Jorginho, Verratti; Bernardeschi, Immobile, Kean. Ct: Mancini

FINLANDIA (4-4-2): Hradecky; Raitala, Toivio, Arajuuri, Uronen; Lod, Kamara, Sparv, Soiri; Pukki, Tuominen. Ct: Markku Kanerva

Il commissario tecnico della Nazionale, nella consueta conferenza stampa pre partita, ha dichiarato: “Domani diventa fondamentale non solo per vincere, ma anche per il ranking e l’eventuale sorteggio. Vorremmo risalire il ranking che non ci piace molto. Noi dobbiamo solo continuare a giocare, dobbiamo farlo noi. Dobbiamo essere tranquilli, abbiamo assimilato qualcosa di importante. Solo questo, cercare di giocare bene, creare molte occasioni, difendendo bene, la partita non sarà semplice”.

  •   
  •  
  •  
  •