Roma, Mkhitaryan: “Non ho paura della pressione”

Pubblicato il autore: Laurapetringa Segui

 

A.S.Roma. Henrikh Mkhitaryan, giunto in prestito dall’Arsenal il giocatore armeno giocherà in serie A scelto dal ds Gianluca Petrachi. Il suo improvviso addio ai Gunners ha sorpreso la stampa. Vanta grandi esperienze di carriera, tra cui: Borussia Dortmund, Manchester United e  appunto l’Arsenal.

Spiega Mkhitaryan in conferenza stampa a Trigoria:

potrebbe interessarti ancheParma-Roma streaming e diretta tv Sky: dove vedere il match 10/11 ore 18

“Sono felice di essere qui. Prima di arrivare non ho passato un periodo facile, ora comincia una nuova avventura. Conosco gli obiettivi del club e contribuirò per raggiungerli. Ho già conosciuto compagni e allenatore e l’ambiente è l’ideale. Posso giocare in tutte le posizioni d’attacco, anche se mi piace partire largo e accentrarmi. Comunque l’importante è essere utile alla squadra, metterò le mie qualità a disposizione del mister.”

Riguardo l’addio all’Arsenal: 

“Non ho neanche parlato di soldi, sono venuto a Roma per godermi il calcio e perché la Roma ha un grande futuro davanti a sé. Il mio addio all’Arsenal? Per un calciatore è importante giocare e trarre piacere da quello che fa, questo a Londra non mi capitava più”

potrebbe interessarti ancheBorussia Monchengladbach-Roma: streaming e diretta Tv Europa League, dove vedere il match oggi 7 novembre

 Rispetto al ruolo: 

“Posso giocare in ogni posizione dell’attacco: dietro l’attaccante o partendo dalla sinistra. Per me quello che conta è essere utile per la squadra. La mia prerogativa migliore è partire dall’esterno per accentrarmi. Nelle ultime squadre in cui ho giocato ero più arretrato e questo era una delle ragioni per cui ho segnato meno. Io voglio segnare più gol e realizzare più assist possibili”. “Non ho paura della pressione. Quando si gioca nelle grandi squadre è così e il minimo errore viene criticato. So come gestirmi e accetto tutto quello che viene. Ho scelto la Serie A che mi si è presentata l’ultimo giorno e ho accettato con entusiasmo. Non abbiamo neanche parlato di denaro. Sono qui per giocare a calcio.scegliendo questo club non sento di aver fatto un passo indietro. In qualche modo avevo avvertito che fosse il momento di cambiare. Si è presentata quest’occasione e l’ho colta al volo e con entusiasmo. Nell’Arsenal non provavo più questo piacere”.

 

notizie sul temaCori contro Napoli, cori contro Balotelli: Il razzismo che si dimenticaIl pistolero Piatek finisce le cartucceRoma: è solo l’inizio?
  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: ,