Sarri difende Spalletti e dichiara “Mi fanno schifo le partite alle 12.30”

Pubblicato il autore: Pasquale Quaglia

Probabili formazioni Dinamo Kiev Napoli

Solidarietà tra allenatori e soprattutto una protesta “sindacale” nei confronti di una Lega Calcio che, stando alle parole di Maurizio Sarri, lascia molto a desiderare sulla programmazione delle partite. Al tecnico napoletano non vanno giù le partite giocate alle 12.30. Ricordiamo che è stato proprio il suo Napoli a giocare l’anticipo di questa domenica contro l’Empoli. Una partita dai molti volti, con i partenopei avanti di tre reti già nel primo tempo, con la marcatura doppia di Insigne, di cui una su rigore, e la rete su punizione di Mertens, lui che un rigore invece lo aveva sbagliato dopo pochi minuti dall’inizio. Un secondo tempo invece di marca toscana con El Kaddouri su punizione e Maccarone su rigore, centesima rete per l’attaccante, che hanno fatto sperare in una rimonta non riuscita i tifosi toscani presenti allo stadio “Carlo Castellani”. Nel dopo partita sono arrivate invece le parole di Sarri: “Mi fanno schifo le partite alle 12.30. Dimentichiamo che ci sono squadre che vengono da mesi in cui hanno giocato a basse temperature. Col Sassuolo ultimo anticipo alle 12.30 guarda caso a noi, è un caso che a me rode però, che rispetto c’è stato per noi?“. Scaturite dalle sue dichiarazioni anche le parole in difesa di Luciano Spalletti, penalizzato con la sua Roma, a detta di Maurizio Sarri, proprio dal calendario, “Che rispetto c’è stato per la Roma, uscita fuori col Lione palesemente per quel calendario. La Roma ha dominato tre tempi e guarda caso ha pagato sul secondo di Lione. Mi riferisco alla Roma, va bene, non al Napoli, noi saremmo usciti ugualmente col Real per la distanza che c’è. La Roma non è stata tutelata a livello europeo, è stato un signore Spalletti a non dirlo“.

  •  
  •   
  •  
  •  
  •   
  •