Formula 1, ecco gli aggiornamenti che la Ferrari porterà al GP di Stiria

Pubblicato il autore: Mattia DElia Segui


La scuderia Ferrari si presenta al secondo weekend del Mondiale 2o2o di Formula 1 in cerca di soluzioni. Sul circuito del Red Bull Ring si replica nel prossimo weekend (da venerdì 10 a domenica 12 luglio) e tutti i team avranno dei vantaggi legati all’assetto e al set-up delle proprie monoposto, però a Maranello la situazione è critica. Il Gran Premio appena concluso non nasconde le criticità di una SF1000 incapace di generare carico dal proprio corpo vettura e con una power unit meno performante di quella dell’anno passato. Situazione che diventa molto preoccupante se si vanno ad analizzare le differenze velocistiche tra 2019 e 2020 emerse durante le qualifiche (mediamente l’anno scorso la monoposto di Charles Leclerc aveva 15 km/h di velocità in più). Ecco di seguito come proverà a rimediare la Ferrari già a partire dal prossimo Gran Premio.

Leggi anche:  Mondiali di pallamano, gruppo IV Main Round: successi per Egitto e Russia, pari tra Svezia e Slovenia

Gli aggiornamenti che porterà la Ferrari nel GP di Stiria

Rimediare ad una monoposto che a Maranello hanno sbagliato l’impostazione e correggere in corsa, con i regolamenti attuali, non è assolutamente facile e bisogna intervenire in maniera incisiva. La prima parte da correggere è il design della SF1000 per cercare di minimizzare la resistenza all’avanzamento e nello stesso tempo garantire un maggior rendimento dal fondo della vettura. Quindi gli aggiornamenti da questo punto di vista potranno riguardare l’aerodinamica e, secondo quello che filtra da Maranello, lo step evolutivo previsto per Budapest (17-19 luglio) sarà anticipato in parte per il prossimo Gran Premio austriaco per cercare di migliorare il comportamento della monoposto in curva, usando gli assetti più scarichi nello stesso tempo. Infatti, per il GP di Stiria, sono attesi ali anteriori e posteriori nuove e un fondo modificato.

  •   
  •  
  •  
  •