Zanardi, gli ultimi aggiornamenti sull’atleta

Pubblicato il autore: Mario Nuvoletto Segui


Tutto il mondo dello sport italiano è stretto attorno ad Alex Zanardi, campione parolimpico bolognese classe ’66 che il 19 giugno ha avuto un grave incidente durante la staffetta di “Obiettivo3”. Iron man quel maledetto giorno si è scontrato frontalmente contro un tir, riportandogli una serie di fratture al cranio. Da quel giorno, Zanardi, è sempre ricoverato in terapia intensiva e ha subito ben quattro interventi. A seguito del quarto intervento alla testa, le sue condizioni rimangono stabili e il fatto che non ci siano ulteriori novità circa le condizioni di salute del quattro volte medaglia d’oro fanno ben sperare i medici e i tifosi. Però l’ottimismo spesso fa spazio all’imprevisto, come spiegato dal medico Roberto Gusinu, direttore sanitario del policlinico delle Scotte di Siena: “Per i miglioramenti ci vorrà tempo, i peggioramenti possono arrivare improvvisamente“.

Attualmente Zanardi è, quindi, in condizioni stabili, ricoverato in terapia intensiva al San Raffaele di Milano, arrivato lì pochi giorni dopo il suo approdo al centro specialistico di Villa Beretta a Lecco. La prima fase di ricovero l’ha passata all’ospedale le Scotte di Siena e a tal proposito si è espresso Roberto Gusinu, direttore sanitario, a margine di una conferenza stampa sul bilancio dell’attività dell’azienda ospedaliro-universitaria senese nel 2019. Il medico conosce molto bene il quadro clinico di Zanardi e ha così affermato: “Come ho avuto modo di dire nei giorni scorsi, nel caso di Alex Zanardi i miglioramenti si ottengono dopo molto tempo, i peggioramenti possono arrivare improvvisamente“. Gusinu ha poi detto la sua sull’ipotesi relativa al fatto che lo stesso Zanardi abbia contratto un’infezione nei giorni scorsi: “Maggiore è la situazione di pericolo e più possono esserci problematiche del genere“.

Gli atleti paralimpici cantano per Zanardi

Mentre Zanardi combatte la sua ennesima battaglia come una tigre ferita, gli atleti paralimpici si stringono attorno a lui e lo fanno cantando una delle canzoni rappresentative dei Queen, Don’t stop me now. Tutti hanno voluto partecipare a questo video in cui rendono omaggio al campione bolognese, diventato nel tempo uno degli atleti rappresentativi dell’Italia, non solo per le sue doti sportive, ma anche per il suo esempio di vitalità, di forza. La sua storia ha commosso e stupito tutti, esempio di come dopo ogni batosta, ogni problema, ci si rialza più forti di prima.

Annalisa Minetti,  Bebe Vio, Daniele Cassioli, Martina Caironi, Giulia Ghiretti. Sono solamente alcuni degli atleti paralimpici che hanno voluto partecipare al video dedicato ad Alex Zanardi. Un video lungo tre minuti in cui tutti gli atleti si sono trasformati in cantanti, cantando la canzone dei Queen come inno alla vita e alla voglia di resistere e di andare avanti.

  •   
  •  
  •  
  •