WWE, Chris Jericho: “Lì sono quasi morto”

Pubblicato il autore: Mario Nuvoletto Segui


Essere un wrestler è bello, ma non facilissimo, specialmente nella WWE. È una vita da atleta non facile, che richiede un’enorme allenamento e prestanza fisica, e soprattutto che ti mette difronte ad enormi rischi su possibili infortuni seri rispetto ad altre discipline che, per fortuna, non devono subire. La vita del wrestler professionista è delle più incerte, molti sono morti sul ring, come Pedro Aguayo Ramirez, conosciuto sul ring come El Hijo Del Perro Aguayo, morto in un match contro Rey Mysterio qualche anno fa, a causa della rottura di tre vertebre cervicali e del successivo ictus. Altri alteti della WWE, invece, hanno fatto i conti con infortuni seri che ne hanno minato la carriera, come Edge che a causa di una stenosi alla colonna vertebrale, che avrebbe potuto causare una paralisi, è stato lontano dal ring più famoso al mondo per ben dieci anni.

Quando Chris Jericho rischiò la vita nel ppv WWE

Sicuramente chi non se l’è vista bene è Chris Jericho, atleta 1970 di nazionalità canadese. Tramite il suo profilo social Twitter, il wrestler, con un passato in WWE, ha ricordato come in un ppv caratteristico della federazione più importante al mondo, il TLC, acronimo di Table, Ladders and Chairs, ha rischiato di morire. Il commento è arrivato sotto il post di un fan che gli ricorda come undici anni fa si svolgesse quel match che vedeva contro la D-Generation X, Triple H e Shawn Michaels, e i JeriShow, coppia formata da Chris Jericho e BigShow, valido per il Unified WWE Tag Team Titles.

La gif pubblicata dall’utente mostra Chris Jericho sulle spalle di BigShow, ma a causa di un calcio di Shawn Michael al gigante della Carolina del Sud, Jericho vola fuori dal ring, sbattendo violentemente la testa contro lo spigolo del tavolo. Immagini fortissime che sono diventate virali e hanno fatto realizzare all’atleta canadese la pericolosità di quella caduta da tre metri d’altezza, commentando: “Sono quasi morto“.

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: