Zanardi, parla il figlio Niccolò: “Cosciente già da un po’ di tempo”

Pubblicato il autore: Mario Nuvoletto

Zanardi
Campione dentro e fuori la pista, eleganza e tanta umiltà. Sono alcune delle parole con cui si può descrivere Alex Zanardi, ex pilota di F1 ed ora campione di handbike. Da quasi un anno, ormai, lotta per la sua vita a seguito di un grave incidente accaduto il 19 giugno 2020. Un iter clinico composto da una serie di interventi per contrastare i danni dovuti all’incidente contro il tir di Marco Ciacci. Da tre settimane si trova nell’ospedale di Vicenza, nella sezione gravi cerebrolesi del reparto di riabilitazione diretto dal dottor Giannettore Bertagnoni. Da pochi giorni, sul lato giudiziario, la procura di Siena ha chiesto l’archiviazione per l’autista, ritenuto incolpevole su tutta la vicenda.

Niccolò Zanardi: “Ci vuole tempo, sono piccoli passi”

Da quel terribile giorno, IronMan, ha avuto sempre la vicinanza e l’affetto dei suoi fan, e in particolar modo quello della sua famiglia. Sì, perché la moglie Daniela Manni e il figlio Niccolò fin dal primo istante si sono stretti intorno all’incredibile eroe, chiedendo il massimo rispetto per la loro privacy. Non a casa solo nelle ultime ore è trapelata la notizia del trasferimento dell’atleta da tre settimane all’ospedale di Vicenza, in cui sta sostenendo la riabilitazione.

Leggi anche:  Campionato volley femminile A1, 9° di andata: programma completo

Il campione è arrivato al San Bortolo in forma riservata dall’ospedale di Padova, e ora si trova in una camera singola sotto strettissimo controllo circondato da una fitta e rigorosa rete di protezione per tutelarne la privacy e favorire il migliore sviluppo delle terapie in quello che, pure a Vicenza, si preannuncia un lungo percorso di recupero fisico e cognitivo.

Con la notizia di archiviazione da parte della procura sull’incidente, molte sono le persone che si chiedono come sta Zanardi. A questo ha risposto il figlio Niccolò, sempre al fianco del suo eroe e mito. Ecco cosa ha rivelato: “Papà è cosciente già da un po’ di tempo, ormai da alcuni mesi. Piano piano le sue condizioni stanno migliorando. Sono piccoli passi. Ma sappiamo che è un percorso lungo, ci vorrà molto tempo“.
Una notizia importante che riempie il cuore di speranza, ma come ha detto ci vorrà tempo prima che possa dichiararsi guarito: “Nessuno sa dirci cosa potrà tornare a fare. Sta migliroando sì – aggiunge – ma sappiamo che si tratta di un percoso molto lungo. In questi mesi non gli abbiamo mai fatto mancare il nostro sostegno e il nostro affetto“.

  •   
  •  
  •  
  •