WWE, ecco la lista di parole proibite che non si possono dire

Pubblicato il autore: Emanuela Francini Segui

parole proibite
Da sempre la WWE domina in lungo e in largo nel mondo del wrestling. Non è un mistero, inoltre, che abbia una policy molto attenta sui termini che è possibile usare o meno. Da anni esiste, infatti, una lista di parole proibite che i wrestler, gli intervistatori, i telecronisti e non solo, non devono utilizzare durante le loro apparizioni pubbliche.

Qual è la lista di parole proibite dalla WWE?

Molte di queste parole sono note, altre sembrano inedite. Non si tratta solo di parole legate al wrestling, come “heel”, oppure “cintura”, ma anche alcuni termini un po’ forti come “colpo alla testa”, “vittima”, “violenza” oppure “uccisione”.

La lista è ovviamente in lingua inglese, ma ecco i  termini tecnici in italiano per far capire di cosa parliamo: sangue, choke, cintura (sia la parola belt che la parola strap), diva, colpo alla testa, trauma, kayfabe, mofos, house show, DQ, The Anti-Diva, infortunio alla colonna vertebrale, vittima, violenza, violento, wrestling, wrestler, WWF, wifebeater, curb stomp, babyface, heel, job, jobber, card, strangolamento, uccisione e assassino. Inoltre sono stati banditi alcuni modi di dire come “push” o “essere over”.

Leggi anche:  Mondiali di futsal: definito il quadro dei quarti di finale

Ma perché la WWE ha il bisogno di bandire alcune parole? Questo perché la WWE ha deciso di usare dei suoi termini particolari per definire gli stessi concetti. E’ il caso di “house show”, che la WWE chiama Live Event, oppure di altre banned word famose come “wrestler” o “cintura” che da diverso tempo sappiamo la WWE ha deciso di bandire a vantaggio di “superstar” o “titolo”.

In altri casi si tratta di un modo per evitare che i propri dipendenti incappino in frasi delicate che possono scatenare controversie. Per esempio qualche tempo fa la finisher di Seth Rollins denominata Curb Stomp fu prima proibita, poi re-introdotta ma chiamata in altro modo. Seth Rollins raccontò in un’intervista il perchè di questa decisione, spiegando come fosse pericolosa a livello di immagine per la WWE. La manovrà è stata poi di nuovo consentita dalla WWE ma il nome originale non è mai stato re-introdotto a causa del significato violento del termine

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: