Zanardi, il 2022 subito positivo: a Ravenna nuove cure

Pubblicato il autore: Emanuela Francini

Zanardi
Nonostante sia passato un anno e mezzo da quel terribile incidente, Zanardi continua a lottare come un leone. Era il 19 giugno 2020 quando il campione paralimpico si è andato a schiantare contro la ruota anteriore di un tir. Da lì la situazione è subito sembrata grave, con Alex che ha subito una serie infinta di interventi. Dopo un iter lunghissimo negli ospedali, nelle scorse settimane è stato annunciato il suo ritorno a casa. Un passo importante dopo la notizia del suo stato cosciente e del fatto che riesce a comunicare con la propria famiglia.

Ad annunciarlo la moglie Daniela al sito della BMW, da sempre partner di Zanardi. “Alex ha potuto lasciare l’ospedale qualche settimana fa e ora è tornato a casa con noi. Abbiamo aspettato a lungo che ciò accadesse e siamo molto felici che sia stato possibile ora, anche se in futuro ci saranno ancora dei soggiorni temporanei in cliniche speciali per effettuare misure di riabilitazione specifiche sul posto”.

Leggi anche:  Mondiali Courchevel Meribel 2023, dove vedere combinata maschile sci alpino LIVE oggi: diretta TV, orario e start list

Zanardi, ricovero a Ravenna per nuove cure

La notizia di queste ultime ore ci dicono che Alex Zanardi è in cura in questi giorni al centro iperbarico di Ravenna. Lo riporta il Corriere Romagna, che riferisce trattarsi di una parte della lunga riabilitazione. Prima di Natale era stata diffusa la notizia del suo ritorno a casa dall’ospedale, essendo le condizioni di salute migliorate. Poi, dopo le feste in famiglia, sono iniziate le cure a Ravenna.

Non si conoscono i dettagli delle terapie cui si sta sottoponendo Zanardi. Il centro ravennate è specializzato nelle cure su traumi e ferite per mezzo dell’ossigenoterapia e già in passato ha ospitato sportivi in convalescenza come è avvenuto nel 1992 per il campione di motociclismo Michael Doohan e lo stesso Valentino Rossi, che nel 2010 tornò in pista 40 giorni dopo l’incidente al Mugello in cui si fratturò tibia e perone.

  •   
  •  
  •  
  •