Cessione Milan Berlusconi dà l’ok ai Cinesi

Pubblicato il autore: Giovanni Cardarello Segui

Cessione Milan Berlusconi

Cessione Milan Berlusconi da l’ok. Gli investitori cinesi pronti ad acquistare il 70% del Milan sono seri e con disponibilità finanziarie importanti

Il Presidente del Milan, Silvio Berlusconi, ha dato il suo ok alla prosecuzione della trattativa con la cordata cinese decisa ad acquistare il 70% della società rossonera. E’ questo l’esito dell’incontro odierno ad Arcore che il numero uno rossonero ha avuto con i manager Fininvest che seguono la trattativa e che attendono a breve la documentazione completa sui membri della cordata. Berlusconi si è comunque convinto della serietà e della potenzialità economica dei cinesi, fondamentale per riportare il Milan ai vertici del calcio mondiale, condizione primaria posta dal Patron rossonero. Adesso la trattativa, che non avrà sbocchi definitivi prima del 15-20 giugno, proseguirà sui progetti e sulla qualità degli investimenti. E’ questo in sintesi l’esito del vertice con i manager Fininvest tenuto oggi nella residenza di Silvio Berlusconi ad Arcore tenuto nel consueto pranzo di inizio settimana con i figli e i manager delle sue aziende, slittato di un giorno per motivi elettorali.

Leggi anche:  Dove vedere Uruguay-Cile, streaming e diretta tv in chiaro Copa America?

Cessione Milan Berlusconi: Mi aspetto 100-200 milioni di euro l’anno di investimento

In attesa della documentazione completa sulla cordata cinese rappresentata da Sal Galatioto e Nicholas Gancikoff (che potrebbe assumere la carica di amministratore delegato nel nuovo Milan), nel confronto con i dirigenti Fininvest che seguono la trattativa rubricata come Cessione Milan Berlusconi ha ricevuto una serie di informazioni in base alle quali, secondo quanto filtra, ha deciso di proseguire affrontando il tema che considera cruciale: come e quanto i potenziali nuovi soci intendono investire per rilanciare la squadra. Nei giorni scorsi Berlusconi ha chiarito di voler lasciare a una nuova proprietà che investa ogni anno “100-200 milioni di euro”. Verificare i progetti dei cinesi per la squadra, sarà dunque il prossimo passo del negoziato.

  •   
  •  
  •  
  •