Argentina-Colombia, Messi trascina la Selección

Pubblicato il autore: Alessandro Legnazzi

A San Juan l’Argentina regola senza troppe difficoltà la Colombia con il punteggio di 3-0. Marcature di Messi (splendido da calcio di punizione), dell’ex genoano Pratto e del fideo Di Maria. Higuain rimugina in panchina assieme al Kun Agüero: stavolta le scelte hanno dato ragione a Bauza.

PRIMO TEMPO ARGENTINA-COLMBIA – Scelte importanti quelle di Bauza. Il patón lascia fuori Higuain e Agüero, schiera l’ex genoano Pratto, Banega e Mercado: tagliati fuori Otamendi e Perez, oltre al pipita, rispetto alla disfatta con il Brasile. Vedremo se le novità porteranno ragione all’ex allenatore del San Paolo. Sesto sul cronometro, Otamendi arriva per primo sul pallone con il colpo di testa ma non riesce a indirizzare e trovare la via del gol. Argentina subito pericolosa in questo avvio di gara. La Selección guadagna un calcio di punizione dal limite: lo batte Messi… rete! Splendida esecuzione del n.10 che mette la palla sotto la traversa, Ospina ci prova ma il tiro è forte e preciso. Argentina avanti con la pulguita del Barcellona. E chi sennò in questi momenti?

Leggi anche:  Flamengo-Al Hilal, streaming gratis e diretta tv in chiaro? Dove vedere Mondiale per club

La Colombia non dà segno di ripresa allora Messi trascina, disegna, inventa. Al 23′ il diez si libera facilmente del marcatore, si sposta la palla sul mancino, crossa al centro praticamente a memoria dove c’è Pratto… rete! Puntualissimo, l’ex attaccante del Genoa mette la palla in rete con un colpo di testa solo da spingere oltre Ospina. Argentina avanti di due gol dopo ventitré minuti di gioco. Ma è sempre Leo Messi ad avere i comandi del gioco albiceleste.

SECONDO TEMPO ARGENTINA COLOMBIA – I padroni di casa hanno subito l’opportunità del terzo gol. Sanchez scivola sul campo intriso d’acqua, tenta comuqnue di calciare il traversone di Messi, rimpallo su Pratto che si era portato in zona: palla fuori di un ciuffo d’erba con Ospina fermo a guardare. La Colombia guadagna qualcosa in termini di pericolosità con l’ingresso di Macnelly Torres, squadra comunque senza ritmo e con un James Rodriguez vuoto e nervoso.

Leggi anche:  Serie A, dove vedere Salernitana-Juventus: diretta tv e streaming live

Messi stasera è imprendibile e i cafeteros non possono far altro che accompagnare. Il numero dieci porta palla al 66′, linea difensiva della Colombia che evita un’uscita in avanti, finta e tocco laterale a sinistra per Di Maria, il fideo stoppa e calcia con il mancino ma colpisce il palo esterno. Poteva essere il colpo del 3-0.

Buona prova del camello Pratto. Ha dato una risposta umile nel momento in cui Bauza ha bisogno di un semplice sibilo dal gruppo per poter dire a tutti d’avere in pugno la Selección. A undici minuti dal termine è stato sostituito da Higuain tra gli applausi generali del pubblico e avvolto dal sincero applauso dell’attaccante della Juventus.

Altro slalom speciale di alta tecnica e qualità di Messi dopo aver recuperato palla, suggerimento sul secondo palo per Di Maria… rete! E sono tre della Selección, azione tutta rosarina tra un ex Newell’s e un ex Rosario Central. Al 91′ James Rodriguez colpisce il palo esterno da calcio di punizione. La partita finisce con i guanti lindi del chiquito Romero. Nessuna parata degna del portiere argentino, cartina tornasole della prestazione collettiva della Colombia, momentaneamente fuori dal Mondiale del 2018.

Leggi anche:  Fontana a SN: "Adl in passato contestato, ha avuto ragione. La Turris può raggiungere la salvezza"

argentina-uruguay

  •   
  •  
  •  
  •