Inter: il caso di “Don Rodrigo Furioso”

Pubblicato il autore: Piero Giannoni Segui

L’Inter batte 2-0 l’Empoli con le reti di EderCandreva continuando così l’assalto al terzo posto. Tutto farebbe pensare ad un pomeriggio tranquillo ma la tranquillità non è esattamente di moda in casa nerazzurra, specie, se alla “Scala del calcio” scoppia il caso di “Don Rodrigo Furioso”.
Eh si! ad accendere la miccia ci ha pensato proprio lui, Rodrigo Palacio, uno che ultimamente le partite le segue dalla panca(complice la veneranda età di 35 anni) . L’ argentino viene sostituito, sbotta, sbuffa e si siede a malincuore, in tanti direbbero : “Eh ma è vecchio non dovrebbe comportarsi così.” Eppure romanticamente parlando, la vicenda è degna di un sonetto con il vecchio cavaliere costantemente in lotta, incapace di accettare i suoi limiti ed il suo possibile declino.

Del resto se sei un grande giocatore, e le tue doti principali sono impegno e grinta, non puoi fare altrimenti tentando di superare ciò che sembra insuperabile. La sfuriata di “Don Rodrigo” è la semplice frustrazione di chi mette sempre tutto in quello fa e quando non riesce va in escandescenza pretendendo di più. In tanti lo criticheranno, personalmente da appassionato di calcio e nostalgico di tanti campioni, mi accontento di vederlo lottare e mettere impegno vista anche la poca lucidità rimastagli sotto porta.

L’arrabbiatura da parte sua ci sta perché come disse un suo connazionale il gol per me non è un’ossessione è semplicemente il mio mestiere“.

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: