Bari, i galletti compiono 110 anni. La foto della targa commemorativa

Pubblicato il autore: Luigi Circiello Segui

Nasceva oggi nel 1908 il FootBall Club Bari, dalla volontà di alcuni commercianti oriundi, originari di vari paesi europei. La squadra pugliese ha preso parte a 30 campionati a girone unico, risultando cosi la prima formazione pugliese e la terza del sud Italia, dopo Napoli e Cagliari, per numero di partecipazioni nel massimo campionato; risulta essere al 18° posto nella classifica perpetua della Serie A dal 1929.

Tradizionalmente definita squadra ascensore, per le continue salite e discese tra le varie serie professionistiche, sopratutto tra Serie A e Serie B, il Bari ha tuttavia contribuito a lanciare numerosi giovani talenti nel panorama calcistico nazionale e internazionale. Antonio Cassano, Nicola Ventola ed il campione del Mondo 2006 Gianluca Zambrotta, sono certamente tra i nomi più importanti, ma non vanno trascurati anche ottimi giocatori come Diego De Ascentis ed Antonio Bellavista, oltre a poter annoverare tra i propri giocatori simbolo bomber come Igor Protti, capocannoniere nel campionato di Serie A 1995-1996 con 24 reti, Gionatha Spinesi e Sandro Tovalieri.

Non ha mai disputato competizioni europee importanti, ma vanta nel suo palmarès la Mitropa Cup del 1990 vinta 1-0 contro il Genoa, due campionato di Serie B (1941-1942, 2008-2009), tre campionati di Serie C (1954-1955, 1966-1967, 1976-1977, 1983-1984) ed un campionato di IV Serie (nel 1953-1954).

Comunemente denominata anche “la Bari”, ha vissuto le stagioni migliori della sua storia a cavallo tra gli anni ’90 e i primi anni 2000, con la presidenza dei fratelli Matarrese, quando nonostante i soliti alti e bassi tra Serie A e Serie B risultava essere sempre una squadra ostica da affrontare. Disputa le sue gare interne allo Stadio San Nicola, struttura da 58.000 posti realizzata in occasione dei Mondiali di Calcio disputatisi in Italia nel 1990.

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: