Calciomercato, come l’affare Neymar-PSG ha influenzato le trattative internazionali

Pubblicato il autore: Yuri Lo Stuto Segui


L’affare della scorsa sessione estiva di calciomercato che ha portato il fenomeno brasiliano Neymar all’ombra della Tour Eiffel ha influenzato notevolmente il mondo dei trasferimenti dei calciatori a livello internazionale. I 222 milioni spesi dal Paris-Saint Germain rappresentano una cifra inarrivabile in questo momento per qualsiasi club europeo e nella top 10 dei trasferimenti più costosi, ben 3 sono stati effettuati sull’onda dei soldi versati nelle casse del Barcellona per l’acquisto di Neymar. Ma non solo, dato che in questo momento i valori dei calciatori sono aumentati in modo esponenziale, spesso non rispettando le reali caratteristiche intrinseche legate alle qualità di un giocatore: per farla breve, i 105 milioni che il Barcellona ha speso per l’acquisto di Moussa Dembelé dal Borussia Dortmund sono una cifra spropositata per un attaccante che in carriera ha solamente vinto una Coppa di Germania. Fa rabbrividire il fatto per cui il Real Madrid nel 2009 ha sborsato 94 milioni per assicurarsi le prestazioni di Cristiano Ronaldo, il quale all’epoca 23enne, aveva già vinto una Champions League, un Mondiale per Club ed era riuscito a conquistare anche un pallone d’oro, tutto questo quando vestiva la maglia del Manchester United.

Inoltre nelle ultime ore è stato ufficializzato il passaggio di Coutinho dal Liverpool al Barcellona, per una cifra concordata che si avvicina ai 160 milioni di euro. Con Dembelé e Coutinho i blaugrana hanno reinvestito ciò che hanno incassato dalla vendita di Neymar e chiaramente, sono due giocatori che rispecchiano il valore del mercato moderno, ma che non rappresentano la realtà, dato che in riferimento alle vittorie ottenute dai due calciatori, la spesa effettuata avrebbe dovuto essere più contenuta, tralasciando le loro indiscusse doti tecniche.
Discorso simile vale per Mbappé, attaccante 18enne ex Monaco, acquistato dal PSG per una cifra che si aggira attorno ai 120 milioni. Dal punto di vista prettamente anagrafico è necessario chiedersi se ne valeva realmente la pena, dato che i soldi spesi per un attaccante appena maggiorenne con ancora tanto da dimostrare sono eccessivi. Sull’onda di queste operazioni, esiste anche quella che ha portato l’olandese Van Djik a Liverpool da Southampton; i Reds, con i soldi incassati per la cessione di Coutinho, hanno potuto versare circa 85 milioni per un difensore dalle modeste qualità. Solo un paio di anni fa il valore di un difensore simile si aggirava attorno ai 20 milioni al massimo. E’ incredibile pensare a quanto sia cambiato il calciomercato nell’ultimo periodo.

L’impressione che si ha è quella per cui il calciomercato andrà sempre peggio se non si prendono seri provvedimenti imponendo un limite a certi trasferimenti costosi. Dovrebbe intervenire seriamente la UEFA in questo caso, perché si sta assistendo ad un mercato drogato da prezzi esorbitanti. Il trasferimento di Neymar dal Barcellona al PSG ha innescato un meccanismo che potrebbe portare alla distruzione del gioco del calcio, con una reazione a catena che potrebbe non avere fine.

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: ,