Calciomercato, in Turchia il primo acquisto in Bitcoin

Pubblicato il autore: Lorenzo Solombrino Segui


E’ turco il primo acquisto nella storia del calcio avvenuto in Bitcoin. Il fenomeno della criptovaluta si sta diffondendo velocemente in tutto il mondo contagiando ambiti diversi. Questa volta è toccato al calciomercato, che vede un ennesimo passo verso la modernità delle tecniche di trasferimento di calciatori. Non si tratta di un’operazione che coinvolge giri astronomici di denaro, come ci stiamo abituando a vedere da qualche anno a questa parte, dal momento che si tratta di un club che milita nella nostra Prima Categoria.

Il trasferimento in questione è quello che vede l’approdo di Omer Faruk Kiroglu al Harunustaspor. Come detto quindi, si è proceduto ad usare la criptovaluta creata nel 2009. Le cifre parlano di un investimento pari a  0,0524 bitcoin, che equivalgono a circa 440 euro. In più sono stati aggiunti altri 500 euro in contanti a completamento dell’affare. Il tutto, dopo l’ammonimento del governo locale, che ha indicato i rischi importanti che si possono correre usando il metodo dei Bitcoin.

Il mondo del calcio, però, si sta già muovendo verso questa direzione, iniziando con operazioni di meno rilevanza. Per esempio, il Real Madrid e l’Atletico Madrid, dall’inizio del nuovo anno, hanno cominciato ad accettare pagamenti tramite Bitcoin i giri turistici dentro i propri stadi.

  •   
  •  
  •  
  •