Diego Lopez eroe in Espanyol-Barcellona: rigore parato a Messi e vittoria nell’andata di Coppa del Re

Pubblicato il autore: Andrea Medda Segui
Diego Lopez

Diego Lopez Rodriguez, portiere Espanyol


Diego Lopez
, l’eroe che non ti aspetti. Espanyol-Barcellona, andata dei quarti di finale di Coppa del Re: è il minuto 63′ quando l’arbitro fischia un rigore a favore della squadra ospite per fallo di Granero su Sergi Roberto. In porta c’è appunto Diego Lopez, a calciare non uno qualunque: Lionel Messi, il giocatore più forte del mondo. La Pulce aspetta l’ok del direttore di gara, calcia forte e preciso all’angolino basso, ma non ha fatto i conti col portierone spagnolo. L’ex Milan, ma soprattutto ex del Real Madrid, si sarà ricordato del suo passato in Blancos, e ha estratto dal cilindro una parata strepitosa sul sinistro dagli undici metri di Messi.

I tifosi del Milan ricordano ancora il portiere classe ’81. Dall’esordio con la maglia rossonera sino al passaggio di consegne a Gigio Donnarumma. Ha indossato la maglia numero 23, e all’esordio con la casacca del club di Via Aldo Rossi nell’agosto 2014 si è reso subito protagonista parando un rigore a Candreva, in un Milan-Lazio vinto dai rossoneri.
Ma molti tifosi ricorderanno indubbiamente anche la papera su passaggio di De Sciglio. Era un Parma-Milan finito poi 4-5 per i milanesi, ma quel retropassaggio del terzino italiano e la goffaggine con cui reagì Diego Lopez rimarranno indelebili nelle menti dei rossoneri più della vittoria ottenuta.
Diventa numero 1 a tutti gli effetti nella stagione 2015/16, cambiando numero di maglia e facendo da guida al giovanissimo sedicenne Gianluigi Donnarumma che dopo poco, grazie a Sinisa Mihajlovic, diventa titolare prendendo il posto dello spagnolo.

Leggi anche:  Telecronisti Serie A, 6.a giornata: il palinsesto di Sky e DAZN

Ceduto all’Espanyol alla fine della stagione, ecco lo squillo che vale uno dei best moment della sua carriera. Un grido di orgoglio che potrà raccontare alla famiglia. Una parata dal dischetto a Leo Messi. Diego Lopez eroe. Almeno per un giorno.

  •   
  •  
  •  
  •