Diritti TV Serie A, Sky e Mediaset non trovano l’accordo con la Lega. Trattativa con Mediapro

Pubblicato il autore: Giuseppe Consiglio Segui

Ieri è stata un’altra giornata concitata in Lega Serie A per la questione concerne i diritti Tv. Le trattative private di questi giorni con Sky e Mediaset non hanno portato ai risultati sperati. Infatti il totale delle offerte che le emittenti hanno messo sul piatto arrivano a 830 milioni, lontani dal miliardo e mezzo che la Lega vuole raccogliere della vendita dei diritti. A questo punto si è aperto uno scenario nuovo, che già nei giorni scorsi era emerso a margine dei lavori assembleari: è stata aperta la busta contenente l’offerta dell’emittente spagnola Mediapro, che pagherebbe per la trasmissione del triennio 2018-2021 del massimo campionato italiano 950 milioni più royalties. Mediapro è leader in Europa nella distribuzione dei contenuti audiovisivi sportivi e avrebbe in progetto di iniziare una nuova campagna in Italia, creando un canale di trasmissione con la Lega da sublicenziare in seguito a tutte le piattaforme che ne faranno richiesta. I club di Serie A hanno aperto una trattativa privata con Mediapro, che, se non andasse in porto, aprirebbe eventualmente la via ad un terzo bando di gara con le emittenti italiane.

Leggi anche:  Portieri Juventus: Dino Zoff difende Szczesny e ha fiducia in Perin

Intanto Sky, stando a quanto riporta Ansa, ha inviato una lettera alla Lega, con cui ha proposto una nuova soluzione: il colosso satellitare sarebbe interessata ad acquistare gli interi pacchetti per poi concedere una parte dei diritti a emittenti concorrenti in condizioni di assoluta parità, a condizione che Sky possa utilizzare i diritti anche direttamente per i propri clienti su tutte le piattaforme. In Lega, comunque, si ritiene che l’offerta di Mediapro sarà migliorabile con il tavolo tecnico che partirà dalla prossima settimana, come dichiarato dall’advisor della lega Serie A Luigi De Servio, che ha rassicurato anche sulla posizione delle principali emittenti interne, Sky e Mediaset, che farebbero parte dell’intero progetto.

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: