Juventus, poco spazio per Rugani. Futuro in Inghilterra per il difensore toscano?

Pubblicato il autore: Yuri Lo Stuto Segui


Daniele Rugani
è alla Juventus ormai da tre stagioni. Tuttavia, il difensore toscano non è mai stato impiegato con continuità da Massimiliano Allegri, il quale gli ha sempre preferito altri interpreti in quel ruolo, qualora ne avesse la possibilità.
Nel corso della sua prima stagione sotto la Mole, le prestazioni di Rugani erano incoraggianti, poiché era ben visibile che il ragazzo lucchese disponesse di grande personalità e voglia di giocare, ma con l’andar del tempo, anche a causa di lunghi infortuni che hanno influito sul suo percorso di crescita, nelle poche volte in cui è stato chiamato in causa dall’allenatore, lo si è visto impacciato sul terreno di gioco, non garantendo la solidità degna di un grande interprete del ruolo, ragion per cui in questi due ultimi anni non lo si è visto spesso in campo, anche in circostanze che potevano essergli favorevoli.

Leggi anche:  Serie C, dove vedere Palermo-Teramo: streaming e diretta tv Sky Sport?

Dati gli imminenti rinnovi contrattuali di Chiellini e Barzagli, con conseguente conferma di Benatia e con l’arrivo di Mattia Caldara nella prossima stagione dall’Atalanta, Rugani potrebbe avere ancor meno spazio in campo, specie se dovesse essere riscattato anche Howedes, facendolo rientrare nell’affare Pjaca, attuato con i tedeschi dello Schalke 04. Tutta questa situazione potrebbe portare Rugani a chiedere la cessione e nelle ultime ore si sono fatte sempre più insistenti le voci che vogliono il difensore della Juventus lontano da Torino.
Secondo quanto riportato dal “Corriere della Sera edizione Torino“, la Juventus non vorrebbe privarsi di Rugani, ma se quest’ultimo decidesse di puntare i piedi, la dirigenza bianconera, come è solita fare in queste occasioni di “malessere” di un calciatore in rosa, potrebbe accontentarlo.
In Premier League Arsenal e Tottenham sarebbero interessate al centrale ex Empoli, ma la Juve non ascolta proposte inferiori ai 40 milioni di euro.

  •   
  •  
  •  
  •