Murray si arrende, per lui niente Australian Open. Out anche Nishikori

Pubblicato il autore: Giacomo Corsetti Segui


Dopo il forfait per il 250 di Brisbane e dopo il lungo post pubblicato sul suo profilo Instagram di qualche giorno, un epilogo del genere era oggettivamente nell’aria. Andy Murray non parteciperà ai prossimi Australian Open, primo Slam della stagione, che prenderanno il via il prossimo 15 gennaio. Un ritiro che intristisce gli appassionati e che evidenzia quanto la situazione sia ben lontana dalla guarigione, alzando delle inquietanti nubi sul futuro dello scozzese. Sui tabloid britannici comincia a serpeggiare la parola “ritiro”. Una prospettiva al momento irrealistica ma che testimonia quanto ci sia apprensione attorno alla figura del beniamino di casa. Quello che più preoccupa è l’incertezza sulle condizioni del tennista britannico e sul suo effettivo ritorno in campo. E’ infatti dal luglio scorso – quando Murray perse nei quarti di Wimbledon contro Sam Querrey – che il tre volte campione Slam non si presenta nel circuito. Un’assenza che potrebbe prolungarsi in maniera considerevole se l’ex-numero uno dovesse decidere per un l’intervento chirurgico che comunque non dà garanzie su una completa guarigione della sua anca. Con questa rinuncia Murray perderà anche i 180 punti conquistata nella passata edizione di Melbourne, con la concreta possibilità di uscire dalla top 20. Un’eventualità che rappresenta ovviamente l’ultimo dei problemi del tennista scozzese.

Leggi anche:  Boca e Tevez, trionfo nel campionato Maradona

Ma Murray non è l’unico ritiro eccellenti. Oltre a quello dello scozzese infatti il torneo australe perde un altro pezzo pregiato del tabellone come Kei Nishikori. Il giapponese è alle prese con un polso che lo tiene fermo dall’agosto scorso, quando a Montreal perse una partita tiratissima al primo turno contro Gael Monfils. Nishikori che ha dichiarato di non sentirsi ancora pronto per un torneo al meglio dei cinque set e punta dritto verso il primo turno di Coppa Davis di inizio febbraio quando il suo Giappone affronterà l’Italia. Una situazione quindi molto più tranquilla rispetto a quella di Murray. Anche il giapponese perderà i 180 punti accumulati nel 2017 e si ripresenterà nel circuito intorno alla posizione 29. Anche se la possibilità di uscire dalla top 30 è concreta.

Leggi anche:  Dove vedere Cagliari Milan streaming e diretta Tv Serie A

In attesa di capire cosa farà Djokovic – il quale deciderà se giocare o meno a Melbourne dopo l’esibizione del Kooyong Classic –  l’Australian Open cerca di ritrovare il sorriso grazie al post di Rafael Nadal pronto alla partenza per l’Australia. Un sorriso con un retrogusto comunque amaro.

  •   
  •  
  •  
  •