Serie A, Bologna-Genoa: il derby dei “colori rossoblù”

Pubblicato il autore: Walther Bertarini Segui
BOLOGNA, ITALY - OCTOBER 15: Andrea Poli of Bologna FC celebrates after scoring the opening goal during the Serie A match between Bologna FC and Spal at Stadio Renato Dall'Ara on October 15, 2017 in Bologna, Italy. (Photo by Mario Carlini/Iguana Press/Getty Images)

Foto originale Getty Images © scelta da SuperNews

La ventiseiesima giornata di campionato di serie A mette in scena una grande classica del calcio italiano ovvero sia Bologna-Genoa. Fino agli anni 1920/30 queste gloriose società si affrontavano per lo scudetto. Oggi la gara è meno sentita rispetto ai fasti di allora ma comunque sia rappresenta ogni volta grande fascino. Precedenti favorevoli al Bologna nelle sfide al Dall’Ara contro il Genoa con un bilancio tra serie A e serie B  di 24 vittorie 19 pareggi e 5 vittorie rossoblù genoane. L’anno scorso la spuntò il Grifone di Juric con un gol d Di Giovanni Simeone figlio d’arte del grande “Cholo” Diego Pablo Simeone.

Le due squadre si presentano alla sfida con il morale alto soprattutto il Genoa, vittorioso contro l’Inter  a “Marassi” e in precedenza contro Lazio e Chievo. Tutto il merito di questa risalita va sicuramente a Ballardini subentrato a Juric in corsa che ha saputo dare un’idea di gioco convincente migliorando soprattutto l’assetto difensivo. Il Bologna dopo tre sconfitte consecutive è riuscito a ritrovare il sorriso nel derby contro il Sassuolo nonostante una prestazione opaca e poco confortante. Per entrambe sarà l’occasione di scavalcare la classifica e balzare momentaneamente al decimo posto in compagnia dell’Udinese.

Leggi anche:  Maradona è andato dal "Barba", basta coi moralismi

Problemi di formazione per Donadoni che dovrà rinunciare a Palacio (out un mese), ma può contare sul recupero di Verdi. Solito 4-3-3 con Mirante in porta, linea difensiva formata dai due centrali Helander e Gonzales con Mbaye e Masina ad agire sulle fasce. A centrocampo confermatissimi Poli-Pulgar e Dzemaili con il tridente d’attacco Orsolini, Di Francesco a sostegno di Destro.

Assenze pesanti per Ballardini, che dovrà rinunciare a diversi effettivi come Izzo, Taarabt, Veloso e Giuseppe Rossi. Modulo equilibrato con un 3-5-2 formato da Perin in porta, in difesa con Rossettini, Spolli e Zukanovic. Centrocampo folto con Laxalt, Hiljemark, Bertolacci, Rigoni e Rosi, a sostegno delle due punte Pandev e Galabinov.

Alla vigilia della sfida si sono presentati carichi i due tecnici: Donadoni in particolare ha detto:” Domani sarà una partita da 3 punti in palio da guadagnare ancora ulteriore terreno. Vogliamo dare continuità al risultato di domenica scorsa. Da parte nostra c’è la volontà di rendere più felici i nostri tifosi.”  E sulle critiche: “Un conto è riceverle dalla piazza, un conto dai giornali. Le critiche le scrivono i giornali. I fischi di domenica? Rientrano nella logica delle cose. Come gli applausi. Si va avanti in entrambi i casi, cercando di continuare sempre al meglio.”  Sul Genoa:” Arrivano in un buon momento. E’ una squadra molto carica dal punto di vista del morale. Loro con Ballardini hanno trovato un’ottima quadratura dal punto di vista difensivo, che gli ha permesso di risalire la classifica.”. Sull’assenza di Palacio e Verdi: “ Non stiamo qui a piangerci addosso anche se sappiamo che senza di loro sarà più difficile.”

Ballardini, il quale a Bologna non ha lasciato un buon ricordo con la retrocessione nel 2014 in serie B anche grazie alla cessione di Diamanti a mercato chiuso, ha parlato delle insidie che nasconde questa gara: ” Il Bologna è una squadra che ha dei giocatori forti, hanno una società seria, forte con grandi ambizioni. Incontreremo una squadra giovane e ambiziosa. Sa usare bene le due fasi di gioco. Ci vorrà molta umiltà, ci dovremo contrapporre a loro da squadra. La prima qualità che devi avere è la generosità nell’essere dentro la partita.”  Sulla salvezza a quota 40 punti: “Penso alla partita col Bologna, poi il resto non lo so. Non ho mai pensato.”“. E sulle possibilità di convocazione in nazionale di Perin, Izzo e Biraschi:”Questo è un premio per quello che si sta facendo. Sono molto soddisfatto.”

Tempo permettendo, in quanto è stata diramata l’allerta meteo sul capoluogo emiliano, prepariamoci a una partita divertente e piena di colpi di scena.

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: ,