Champions League Juve-Tottenham, Pochettino: “Ero tifoso bianconero, a Torino per segnare e vincere”

Pubblicato il autore: Anna Rosaria Iovino Segui
TURIN, ITALY - OCTOBER 25: Federico Bernardeschi of Juventus celebrates after scoring the opening goal during the Serie A match between Juventus and Spal on October 25, 2017 in Turin, Italy. (Photo by Tullio M. Puglia/Getty Images)

Photo by Tullio M. Puglia/Getty Images, scelta da SuperNews

Raisport ha intervistato l’attuale tecnico del Tottenham, Maurice Pochettino. L’intervista è stata mandata in onda durante la Domenica Sportiva di ieri sera. L’ex difensore argentino parla della Juventus e della sfida di domani valida per la Champions League.

Per la gara di domani c’è la possibilità che Dybala rientri dopo l’infortunio che lo ha tenuto fuori per un po’, ma la cosa non sembra preoccupare il ct degli spurs: “Sembra che Paulo Dybala riesca a recuperare. Se dovesse riuscirci, sarebbe un piacere perché credo che giocare contro i migliori del mondo sia sempre un bene. È un piacere. Credo che Dybala rientri in questo gruppo, perché ha un talento speciale e vederlo in campo, anche se provoca qualche sofferenza, è un piacere”. Sembra che il tecnico abbia piacere anche di giocare contro la Juve, squadra che stima da sempre: “Giocare con la Juventus sarà eccitante”.

L’allenatore del Tottenham è cresciuto, seppur in Argentina, con amore per la Juventus. Fin da sempre a casa sua Sono tifosi bianconeri. In casa si parlava della Juventus, lui lo ricorda bene anche se era troppo piccolo: “Da piccolo sentivo sempre parlare della Juve, poi da grande ho capito le dimensioni della società  juventina”.
Pochettino sa quanto sia importante domani e conosce il valore della Juventus, ed è emozionato di vivere una sfida così intensa, dice: “Ritrovarmi la Juventus di fronte è come un sogno che diventa realtà. Essere sulla panchina del Tottenham e sfidare una squadra come la Juventus è un’emozione grande.
La Juventus è a livello di Real Madrid, Barcellona e Bayern Monaco. Anche noi aspiriamo ad arrivare a quel livello. Contro di noi la Juventus parte favorita, anche sull’esperienza europea ci batte, ma noi proveremo a passare il turno e a fare del nostro meglio. In queste sfide questo conta. Andiamo a Torino con l’idea di poter segnare e vincere la partita”.

 

  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  Cabrini su Maradona: "Sarebbe ancora vivo se avesse giocato nella Juve. A Napoli amore malato"