Di Biagio nuovo ct dell’Italia. Costacurta precisa: “Solo se ne avrà voglia”

Pubblicato il autore: William Truppi Segui

Il calcio italiano è finalmente pronto a ripartire, dopo lo shock causato dall’esclusione dai Mondiali del 2018, ed il suo “traghettatore” potrebbe essere Luigi Di Biagio. Questo è quanto è trapelato dalle dichiarazioni fatte da Alessandro Costacurta, neo-eletto subcommisario della FIGC con delega alla parte tecnica, nella giornata di ieri. L’ipotesi avanzata dall’ex difensore del Milan trae la sua semplice conclusione dal fatto che, allo stato attuale, tutti i nomi papabili per la panchina azzurra sono impegnati con i rispettivi club (Ranieri, Mancini, Conte) o volontariamente auto-esclusosi da un’ipotetica guida della panchina azzurra (Ancelotti).
La scelta di Di Biagio, attualmente tecnico della Nazionale Under-21, sarebbe l’ipotesi ideale per traghettare la squadra sino al mese di Giugno, quando, al netto delle ultime indiscrezioni, dovrebbe concludersi l’accordo definitivo con Roberto Mancini, oramai da tempo sempre più simpatizante del ruolo di CT Azzurro. Inoltre, l’elezione di Di Biagio sarebbe l’unica rapida opzione possibile per cominciare a preparare le due amichevoli di lusso, contro  Argentina e Inghilterra, previste per il 23 e 27 Marzo.
Su tale scelta, Alessandro Costacurta ha dichiarato: “Di Biagio traghettatore? Se ne avrà voglia sì, lo chiamerò appena salgo in macchina. Cosa succede se farà bene nelle amichevoli? Se Di Biagio vincesse 4-0 le prossime tre amichevoli, probabilmente bisognerebbe pensarci su e allora penseremo all’allenatore dell’Under 21. In questo momento Gigi deve considerarsi a tutti gli effetti l’allenatore dell’Under 21 e traghettatore della nazionale maggiore.
Su Mancini e Conte, Costacurta ha poi detto: Conte vuole rispettare il contratto? Vedremo. Resta assolutamente un profilo valido. Mancini? Lo abbiamo sentito – ma sono tutte casualità. Ora abbiamo un po’ di tempo per pensarci.

Leggi anche:  Inter, Eriksen addio a gennaio: sul danese arriva l'Arsenal

PARLA IL COMMISSARIO FIGC, FABBRICINI – “Antonio Conte ha detto che vuole rispettare il contratto con il Chelsea? Se questo è, lo rispettiamo. Vuol dire che non sarebbe disponibile. Ne prendo atto, è un professionista”.
Sulla scelta di Di Biagio ha poi aggiunto: “Costacurta avrà il mandato dei contatti e degli incontri poi al momento finale tutti ci prenderemo la responsabilità. “Ci incontreremo con lui per scambiarci delle idee,  è una persona che ha già un impegno con la federazione. Non è ancora ufficialmente a bordo ma l’idea non ci dispiace”.
“Dobbiamo riallacciare un discorso d’amore fra la Nazionale ed il nostro Paese – continua Fabbricini -. L’affetto non è mai mancato ma bisogna dare subito indicazioni e certezze.”
“Una delle priorità sarà quella di dare un allenatore alla Nazionale per questi due incontri amichevoli che ci sono. Provvederemo e su questo ci aiuterà Costacurta. Una soluzione non tampone ma una presenza qualificata per dare poi un’impalcatura più stabile a tutto il settore”.

Leggi anche:  Se io fossi Maradona

ANTONIO CONTE SI RITIRA DALLA CORSA ALLA PANCHINA AZZURRA –  L’attuale tecnico del Chelsea ha affidato al social network Twitter le sue personalissime dichiarazioni sulla candidatura alla panchina della Nazionale Italiana: Costacurta forse ha dimenticato che ho ancora diciotto mesi di contratto al Chelsea e la mia intenzione, oltre che il mio desiderio, è quello di rispettarlo. Non penso onestamente di incontrarlo per parlare della Nazionale”.
Queste dichiarazioni, inoltre, giungono anche a ridosso di un periodo per nulla roseo della squadra londinese, dove oramai il tecnico italiano viene visto sempre più  come il massimo colpevole dell’annata non ad alti livelli.

  •   
  •  
  •  
  •