Di Biagio punta su Andrea Pinamonti. Spalletti gli concederà una chance?

Pubblicato il autore: Christian Vannozzi Segui

FERRARA, ITALY - OCTOBER 10: Head coach Luigi Di Biagio of Italy U21 gestures during the international friendly match between Italy U21 and Morocco U21 at Stadio Paolo Mazza on October 10, 2017 in Ferrara, Italy. (Photo by Alessandro Sabattini/Getty Images)
Messo da parte da Spalletti nell’Inter, tanto da essere stato a un passo dal passare al Sassuolo, Andrea Pinamonti conquista il coach azzurro, nonché ex interista, Luigi Di Biagio, ex regista della nazionale italiana di matrice zemaniana e con una grande attenzione verso i giovani, specialmente se questi sono stati gli artefici del raggiungimento di uno scudetto primavera e di un’ottima prestazione nella Youth League. Il giovane attaccante nerazzurro, che ha esordito in serie A lo scorso campionato, quando alla guida dell?inter c’era Pioli, l’attuale tecnico della Fiorentina, è stato fortemente chiuso quest’anno non solo da Icardi ma anche da Eder, e avrebbe forse meritato maggiore spazio, magari quando il capitano non era disponibile, questo per premiare il suo grande attaccamento alla maglia, che lo ha portato a giocare sia con la Primavera che con la prima squadra e a non saltare mai un allenamento.

Leggi anche:  Serie B a 21 squadre dal prossimo anno? Ghirelli si oppone.

Esemplare la sua presenza all’allenamento mattutino con Luciano Spalletti all’indomani della trasferta di Manchester nella coppa giovanile, trasferta che ha visto sconfitta la squadra di Stefano Vecchi ma che ha dimostrato grande professionalità da parte del giovane Pinamonti. Purtroppo per Spalletti il giovane attaccante non da le garanzie necessarie per la serie A, cosa più volte vista dato che anche con la Roma difficilmente ha dato spazio ai giovani provenienti dalla Primavera, anche se l’avrebbero di gran lunga meritato. Fortunatamente l’ex allenatore della nazionale giovanile non ha dimenticato i calciatori su cui aveva puntato, e Andrea avrà l’occasione per far ricredere il suo attuale allenatore, e diventare, chissà, l’arma in più di questa Inter che punta, Lazio e Roma permettendo, alla qualificazione Champions.

  •   
  •  
  •  
  •