Tottenham, Pochettino: “All’Allianz Stadium contro la Juventus abbiamo dominato”

Pubblicato il autore: antoniopilato Segui

(Photo by Steve Bardens/Getty Images scelta da Supernews)

Ad una settimana dal match di ritorno degli ottavi di finale di Champions League tra Tottenham e Juventus in programma a Wembley (mercoledì 7 marzo ore 20 45), il tecnico degli Spurs Mauricio Pochettino, ha parlato del doppio confronto e delle prospettive di qualificazione.
L’ex calciatore del Paris Saint Germain ha iniziato con un’analisi della sfida d’andata dell’Allianz Stadium, sottolineando la prova gagliarda dei suoi giocatori: “È stato un orgoglio dominare in trasferta contro uno dei club migliori d’Europa. La Juventus è una grande squadra con ottimi giocatori: la qualificazione è totalmente aperta.  C’è parecchio lavoro da fare per ottenerla. Il risultato dell’andata è ottimo, ma ripeto, non c’è una favorita per il passaggio del turno”.
Successivamente Pochettino si è lasciato andare a qualche battuta sulla nostra Serie A e sulle concrete possibilità scudetto del Napoli: “I partenopei possono vincere lo scudetto, il calcio di Sarri è fantastico ed è il più bello da vedere in Europa, io quando posso cerco sempre di vedere le gare degli azzurri. Giocatori del Napoli che mi piacciono? Ho seguito Callejon fin dalla Spagna, mi sento legato a lui, era un mio giocatore all’Espanyol”.
Nonostante la sua ammirazione per la formazione campana, Pochettino non contempla al momento l’ipotesi di allenarla e dribbla la domanda con grande stile e simpatia: “Dovrei chiedere il permesso a Maradona. Per me lui è il più grande di tutti, anche di Messi, che a mio parere è appena un gradino dietro”.
Pochettino poi conclude parlando del suo metodo di lavoro e del suo modo di fare calcio: “Cerco di crescere giorno dopo giorno. Ogni strada è buona per vincere, ovviamente servono calciatori forti per vincere. Bisogna sentire il tuo calcio e trasmetterlo ai giocatori con cura ed amore, è questo il segreto a mio parere”.
Dunque, le premesse per assistere ad una partita spettacolare ci sono tutte: la cornice di Wembley con i suoi 90000 posti e due squadre pronte a darsi battaglia, ma con strategie ben differenti.

Leggi anche:  Paolo Ziliani contro Chiellini: "Perchè trascinarsi così penosamente a 36 anni suonati?"

 

 

  •   
  •  
  •  
  •