Usain Bolt ha scelto la sua nuova squadra: l’Unicef

Pubblicato il autore: Massimo Maglietta Segui


Usain Bolt nella giornata di ieri aveva pubblicato un tweet nel quale c’era scritto:”Ho firmato per una squadra di calcio. Scoprirete con chi alle 8 di martedì”. Nella giornata di ieri i tifosi dello sprinter giamaicano e gli addetti ai lavori hanno iniziato a pensare quali squadre professionisti potevano tesserarlo. Essendo sponsorizzato dalla Puma, si è pensato subito ad una big tedesca come il Borussia Dortmund, per la quale ha fatto un provino in passato, il Real Madrid, una squadra della MLS americana e infine il Manchester United di cui è anche tifoso.

Chi sperava potesse iniziare una carriera da professionista nel mondo del calcio rimarrà deluso. In un video postato in rete si vede il cantante Robbie Williams a rivelare che Usain Bolt sarà il capitano della selezione Word XI in un match di beneficenza per l’Unicef. La partita si disputerà all’Old Trafford di Manchester il 10 giugno e lo sprinter giamaicano indosserà una maglia speciale, la numero 9.58, suo record ancora imbattuto nei 100 metri, del Manchester United. L’avversario sarà l’England XI capitanata proprio dall’ex cantante dei Take That. L’annuncio su twitter è stata una trovata pubblicitaria. Quindi al momento Usain Bolt si limiterà a giocare soltanto la partita del 10 giugno per beneficenza, per poi far ritorno in Giamaica.

Leggi anche:  Juventus, Ronaldo a riposo: non convocato per Benevento

Quale futuro attende Usain Bolt?

Quale sarà il futuro di Usain Bolt? Questa è una domanda che si sono fatti in molti. Al momento lo sprinter giamaicano non vuole pensarci. Non è escluso che tra qualche anno possa realmente pensare ad una carriera nel calcio professionistico.

Dopo l’ultimo meeting corso quest’estate Usain Bolt ha indicato nel giovane sudafricano Van Niekerk il suo erede nei 200 metri. Nei 100 metri, la gara regina dell’atletica, il suo erede potrebbe essere l’americano Christian Coleman classe 1996, uno dei pochi a correre sotto i 10 secondi. Staremo a vedere cosa deciderà di fare il campione giamaicano nei prossimi mesi dopo la partita di beneficenza del 10 giugno.

  •   
  •  
  •  
  •