Champions League, Barcellona – Roma: le reazioni della stampa catalana

Pubblicato il autore: Giuseppe Ortu Segui

Foto originale Getty Images © scelta da SuperNews

Dall’urna di Nyon, tramite la mano innocente di Shevchenko, la pallina con il nome Roma scritto all’interno è stato salutato con piacere e sorrisi dallo spogliatoio blaugrana. “L’avversario migliore che poteva capitare”, trapela dall’interno del vestuario. Se i giocatori avessero potuto scegliere, i giallorossi sarebbero stati proprio gli avversari prescelti per la disputa dei quarti di finale di Champions League.

Dopo un avversario complicato, il Chelsea, affrontato nel turno precedente e che ha richiesto molta concentrazione in una doppia sfida carica di attesa e tensione, in questo caso si parla apertamente di buena suerte. Molti media catalani si sono espressi in questa direzione. “Un Bonbon”, titola oggi il quotidiano Sport. “Roma, El Que Querian”, è il titolo in prima pagina di El Mundo Deportivo.

Leggi anche:  Europa League - Milan, Castillejo: "Vogliamo battere il Lille"

Dopo tanti sorteggi poco fortunati che hanno caratterizzato il cammino in Champions della squadra negli ultimi anni, in questa circostanza la dea bendata, e la mano innocente di Sheva, sono chiaramente venuti incontro alla squadra di Valverde. Con la Liga ben avviata, che salvo sviluppi apocalittici dovrebbe  condurre alla conquista del titolo, la finale di Copa del Rey gia nel salvadanaio, questo sorteggio favorevole potrebbe fare pensare ad un Segno per una stagione trionfale. A Barcelona, da più parti, la parola triplete comincia a farsi strada con sempre maggior coraggio. Se inizialmente il termime era visto con sospetto, come un sostantivo semi clandestino da pronunciare con cautela e lontano da occhi indiscreti per il timore che potesse quasi portare male, ora sempre più persone iniziano timidamente a uscire allo scoperto. E’ chiaramente ancora presto per fare certi discorsi s’intende, ma a questo punto della stagione, visto lo stato in cui vertono tutte le competizioni in gioco e lo stato di salute della squadra, iniziare a pensare a un’altra stagione historica non sembra poi così azzardato. E tutto questo, nell’anno in cui si è perso Neymar e che il Madrid ad inizio stagione sembrava veleggiare a tutta forza verso un’altra temporada travolgente.

Leggi anche:  San Paolo acceso tutta la notte in memoria di Diego Maradona

In questo Barça bello, solido, equilibrato e vincente, ancora imbattuto in campionato, con la seconda miglior difesa in Liga e la migliore in Champions (appena due reti subite), il merito va riconosciuto, senza ombra di dubbio, al vero crack di questa squadra, Ernesto Valverde, certamente l’acquisto numero uno della stagione 2017/18.

  •   
  •  
  •  
  •