Da Mister Luciano a Spalletti Hyde: “Inter con poca qualità”

Pubblicato il autore: fabricondo Segui
during the Serie A match between FC Internazionale and UC Sampdoria at Stadio Giuseppe Meazza on October 24, 2017 in Milan, Italy.

Foto originale Getty Images © scelta da SuperNews

Tranciante, spiazzante, raggelante. Il mondo Inter fa improvvisamente conoscenza con l’altra metà di Luciano Spalletti, che  di colpo scopre la poca qualità della sua squadra e lo denuncia davanti alle telecamere dopo lo 0-0 con il Napoli. E sì che da tre mesi a questa parte i nerazzurri hanno collezionato prestazioni ben più sconfortanti di quella di ieri sera e con avversari di rango inferiore: Spal, Crotone, Genoa e Benevento, tanto per dire. Eppure il tecnico di Certaldo aveva sempre fatto quadrato intorno ai suoi, ne aveva elogiato i mezzi tecnici, si era sempre sforzato di cercare gli aspetti positivi, aveva ripetuto con convinzione che l’Inter avrebbe reagito al lungo momento negativo, che ha fatto scivolare la squadra dal primo al quinto posto. Allora cosa è cambiato?

La critica – e anche l’autocritica – più feroce è arrivata proprio nella serata in cui l’Inter qualche segnale di risveglio lo ha dato. Niente di entusiasmante intendiamoci, ma contro un Napoli mai sconfitto in trasferta e capolista fino a poche ore prima l’Inter ha almeno ritrovato compattezza, ordine e orgoglio, che le hanno permesso di inaridire le fonti del gioco partenopeo. Certo, la coperta è corta e con Icardi ancora arrugginito al rientro la pericolosità è stata minima: con il palo di Skriniar, comunque, i nerazzurri sono in testa alla poco invidiabile graduatoria dei legni colpiti. E poi il quarto posto è lontano appena un punto. Però Spalletti non è affatto soddisfatto.

Leggi anche:  Inter, sveglia alle 4: i tifosi tedeschi davanti all'albergo con fuochi d'artificio

Atto primo: “Come mai non sono riuscito a dare un’impronta riconoscibile come Sarri al Napoli? Io non sono convinto che l’Inter abbia tutta quella qualità di cui si parla, per andare a giocare nella metà campo avversaria servono certe doti. Noi abbiamo fatto un pessimo periodo, ma in generale non abbiamo mai giocato un grandissimo calcio, il Napoli ha qualità”. Insomma, Spalletti fa capire che essere ad un soffio dalla zona Champions è già un miracolo, considerando il tasso tecnico di livello non eccelso.

Atto secondo: “Se sono più tranquillo per l’obiettivo Champions? Non riusciamo ad avere continuità, non so cosa succederà nella prossima partita”. Cioè quella contro la Sampdoria a Marassi, snodo fondamentale per l’Inter, che non vuole far scappare la Lazio e deve rintuzzare l’attacco del Milan. Serve più convinzione, anche quella dell’allenatore però.

Leggi anche:  Dybala si tuffa e cerca il rigore in Benevento-Juventus? La dura reazione di Ziliani su Twitter

E’ chiaro che società i giocatori si sentano chiamati in causa. Così dalla mixed zone arriva la risposta di Candreva, soft. “Lo fa per spronarci, noi sappiamo di avere qualità, ma dobbiamo sempre dimostrarlo”. La controreplica del tecnico arriva in conferenza stampa: “Lo svolgimento della parola qualità a me sembra chiaro, Candreva può dire quello che gli pare”. Poi la stoccata a Cancelo: “Sa stare a destra e a sinistra, anche se si lamenta in qualsiasi posizione lo faccio giocare”. La squadra, insomma, avrà fatto salti di gioia per le dichiarazioni del mister…

E infatti oggi gli inviati di Sky alla Pinetina rilevano come le parole di Spalletti non saranno piaciute ne’ ai giocatori ne’ alla società. Perché se fai notare che la qualità non è eccellente, stai dicendo che il mercato non è stato all”altezza, in estate e a gennaio. E su questo il tecnico non ha torto: le premesse erano ben altre a giugno e le esigenze per correre ai ripari in inverno erano chiare. Eppure le lacune di classe, personalità e numeriche sono rimaste. Il problema è che fino a poco tempo fa Spalletti non si lamentava affatto, anzi incalzato dalla stampa difendeva i suoi calciatori, ne esaltava le doti e in generale si dichiarava soddisfatto del gruppo che gli è stato messo a disposizione. Dov’e’ l’errore allora? Perché questo improvviso dietrofront?

Leggi anche:  Risultati Serie A 9° Giornata: Milan ancora vittorioso, il big match Napoli-Roma va ai partenopei

Dalle parti di Roma dicono che è un film già visto e che quando gli obiettivi si allontanano Spalletti entra in guerra col mondo. Eppure la Champions, dichiarato obiettivo stagionale, è ad un punto. Un punto, non 15. I tifosi dell’Inter, però, temono che lui inizi a smarcarsi, causa
la delusione per le mancate promesse dei dirigenti e dopo aver capito che non ci saranno grandi investimenti neanche a giugno. Insomma, che non è tutto oro ciò che luccica quello di Suning. In questo caso sarebbe il peggior modo di approcciarsi al rush finale, che è tutto da giocare. In fondo l’Inter aveva trovato il modo di arrampicarsi in vetta prima di precipitare malamente e non è detto che non riesca a ritrovare la continuità smarrita. A patto che tutti, tecnico, giocatori e società, facciano la loro parte. Con o senza qualità.

  •   
  •  
  •  
  •