Premier League, Jamie Carragher beccato mentre sputa ad una ragazzina di 14 anni

Pubblicato il autore: Lorenzo Solombrino Segui

Più di un anno fa accadde, in quel di Sky Sport Italia, un fatto imbarazzante che coinvolse il volto della Premier League, Paolo Di Canio. L’ex calciatore di West Ham e Lazio, nel corso di un promo sulla stagione imminente venne accusato di “Apologia di Fascismo”. Venne notato, infatti, un tatuaggio sulla sua spalla con la scritta “Dux”, facendo scatenare l’ira di tanti abbonati e della comunità ebraica di Roma. La Tv di Murdoch decise di sospendere a tempo indeterminato il conduttore fino a che non si sarebbero calmate le acque. Adesso, insieme a vari ospiti, è tornato a condurre un approfondimento settimanale sul campionato d’oltremanica.

Sabato scorso, la stessa emittente televisiva, stavolta di terra inglese, è stata travolta da uno scandalo di dimensioni assai maggiori. Il protagonista del misfatto è l’ex difensore del Liverpool Jamie Carragher, loro opinionista di spicco. Dopo la sconfitta per 2 a 1 patita dai Reds contro il Manchester United, un tifoso, insieme alla sua figlia quattordicenne, ha affiancato l’auto dell’ex calciatore sbeffeggiandolo per il risultato. La reazione si è rivelata delle peggiori. Carragher ha abbassato il finestrino ed ha letteralmente sputato in faccia alla ragazza. Il tutto è stato testimoniato da un video che sta facendo il giro del web.

Leggi anche:  Milan, Ibrahimovic: esami in corso, si teme stiramento

Sky Sport ha deciso immediatamente di sospenderlo, ed ovviamente non parteciperà al programma “Monday Night Football” in programma questa sera. Oggi pomeriggio, però, gli è stata concessa un’intervista in cui potesse scusarsi per l’accaduto a livello nazionale. “E’ stato un momento di follia. Da parte mia è veramente difficile cercare di spiegare quello che ho fatto. Una follia durata quattro o cinque secondi. Ovviamente non importa quali fossero i motivi che hanno scatenato la mia reazione, non è ammissibile un comportamento del genere. Non chiedo nemmeno di perdonare il mio gesto, non si può fare. Ho coinvolto Sky Sport e la mia famiglia, mettendoli in grande difficoltà”.

Aggiunge, inoltre, di aver contattato i familiari della piccola. “Ho subito contattato i familiari e li ho trovati molto contrariati. Il mio più grande rimpianto è che ci sia andata di mezzo una ragazza di soli 14 anni, trovandosi coinvolta nel mio alterco con il padre. Ho anche io una figlia della stessa età, è difficile riuscir a trovare le parole giuste per il modo in cui ho reagito…”.

Chiude, con la speranza che questo gesto non condizioni il giudizio sulla sua carriera. “Quello che spero è che, dopo 25 anni sotto gli occhi di tutti, non siano cinque secondi a rovinare quanto di buono fatto. Posso dire questo gesto non rappresenta assolutamente me stesso. Ho commesso tanti errori, ma questo è sicuramente il più grande di tutti”.

  •   
  •  
  •  
  •