Serie C, il Padova adesso ha l’obbligo di sognare la B

Pubblicato il autore: Mattia Zampieron Segui

Dopo la sconfitta con il Renate alla prima giornata di campionato e i malumori della piazza, Bisoli aveva detto nell’intervista post gara che il suo Padova lo avremmo visto a maggio nelle parti che più contano della classifica. Non è ancora maggio è vero, però in molti si sono dovuti ricredere da allora, il Padova ad oggi è primo in classifica e ha un vantaggio di 11 punti sulla seconda, posto attualmente occupato dalla Sambenedettese, e dopo la vittoria di lunedì contro il Bassano la banda di Bisoli sembra non volersi più fermare. Una vittoria importante se si considera che solo una settimana fa il Padova ha perso in casa contro il Teramo, e non era tanto la sconfitta che fece in parte preoccupare l’ambiente, ma la prestazione della squadra mai realmente in partita, come se si fosse esaurito il serbatoio della benzina. Invece lunedì sera in trasferta contro una squadra in forma la reazione che tutti si aspettavano è arrivata e forse mai come lunedì sera Padova ha iniziato a credere un po’ di più alla promozione, parola che tra i supporter biancoscudati per paura, per scaramanzia è sempre stata vietata. Certamente 11 punti di vantaggio sono tanti, ma l’attenzione non deve calare perchè di matematico per ora non c’è niente. Bisoli ieri ha lasciato un giorno di riposo alla squadra e da oggi tutti al lavoro per preparare la delicatissima partita di mercoledì prossimo contro la Feralpisalò . Adesso Padova può e deve iniziare a sognare, il traguardo non è poi così lontano.

Leggi anche:  Panchina Inter: Antonio Conte sempre più in bilico, Marotta come traghettatore pensa ad un ex nerazzurro
  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: