Bologna-Milan: probabili formazioni, precedenti e curiosità

Pubblicato il autore: Walther Bertarini Segui

Foto Getty Images © selezionata da SuperNews

La trentacinquesima giornata mette in scena una grande classica del nostro calcio Bologna-Milan allo stadio Dall’Ara domenica alle 15. Sono 69 i precedenti tra queste due gloriose società con un bilancio di 25 vittorie rossoblù contro 24 rossonere e 20 pareggi. Lo scorso anno terminò 0-1 per il Milan in cui vinse in doppia inferiorità numerica.. L’ultimo successo rossoblù risale all’11 marzo 2002 con le reti degli allora Fresi e Julio Ricardo Cruz.

Le due squadre arrivano con stati d’animo differenti. Il Bologna ormai tranquillo vuole terminare la stagione battendo una grande, mentre il Milan deve riscattare l’inaspettata sconfitta interna contro il fanalino di coda Benevento.

Qualche problema di formazione per Donadoni che deve rinunciare a Destro e Donsah, Helander. Tornano in campo Pulgar e Torosidis.

Leggi anche:  Morte Maradona, le reazioni social: "Per sempre. Ciao Diego"

Donadoni dovrebbe schierarsi con un 4-3-3 con Mirante in porta con Masina e Mbaye sugli esterni supportati dai centrali Gonzalez e De Maio. Centrocampo a tre con Pulgar-Dzemaili-Poli un ex con un tridente formato da Verdi-Palacio-Di Francesco.

Gattuso deve fare a meno di Biglia. Al suo posto giocherà Locatelli. 4-3-3 con Donnarumma in porta, con Calabria-Bonucci-Zapata-Rodriguez. Centrocampo composto da Kessiè, Bonaventura e Montolivo. Tridente formato da Suso-Cutrone-Chalanoglou.

Gli allenatori si sono presentati carichi in conferenza stampa. Donadoni ha dichiarato: “Domani il nostro unico obiettivo è la vittoria per chiudere dignitosamente la stagione. Affronteremo un avversario che ha dei giocatori importanti, dovremo interpretare la gara in maniera perfetta. Loro non sono in un grande momento ma sono un a squadra forte e attrezzata. Noi staimo bene ci saranno Pulgar e Torosidis Destro ancora no. Essere gli arbitri di scudetto, Champions e salvezza dovrebbe dare maggiori motivazioni perchè queste squadre verranno a giocarsi qualcosa d’importante. Spero che Palacio rimanga anche l’anno prossimo è molto importante per questa squadra: anche se è meno incisivo sotto porta il suo apporto è fondamentale.”

Gattuso:“Abbiamo toccato il fondo, non c’è stato nessun confronto dovevamo assumerci le nostre responsabilità. Non ho lasciato liberi i due giorni perchè bisognava lavorare. Io ho visto che la squadra ultimamente non girava: è vero che abbiamo tante partite sulle gambe però c’è modo e modo di perdere. La squadra si allena bene lo vedo ma questi segnali negativi vengono durante la partita. Domani affronteremo un avversario meno tignoso del Torino ma ahnno giocatori come Verdi, palacio e Di Francesco. La cosa che mi preccupa è che loro giocheranno senza pensieri e quindi le gambe gireranno bene. Abbiamo perso tanti punti con le piccole non perchè giochiamo male in quanto in area di rigore gli avversari non entrano mai ma la mentalità. Da qualche anno sta avvenendo questo andazzo. Mi arrabbio perchè sento dire che i giocatori erano arrabbiati perchè gli ho levato due giorni di permesso era il minimo dopo il Benevento.”

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: