Cagliari-Bologna: probabili formazioni, precedenti e curiosità

Pubblicato il autore: Walther Bertarini Segui


La trentaquattresima giornata del massimo campionato mette in scena il derby di colori rossoblù tra Cagliari e Bologna allo stadio “Sardegna Arena”.

Precedenti nettamente favorevole ai sardi con 13 vittorie rossoblù sarde 13 pareggi e 4 vittorie dei felsinei. L’ultima sfida si concluse con un pareggio per 1-1 dove Borriello pareggiò con una magistrale punizione rispondendo al vantaggio di Destro. L’ultima vittoria sarda risale nella stagione 2012-13 dove Naingoolan firmò la vittoria. Ultima vittoria degli ospiti nel 2013-14 quando espugnarono l’allora S.Elia con il risultato di 0-3.

Oggi le squadre sii presentano a questa sfida con lo stesso stato d’animo. Gli isolani sono reduci dal tonfo di S.Siro per mano dell’Inter, i felsinei invece ancora arrabbiati per la sconfitta di Genova sponda blucerchiata al 93′. Per il Cagliari una partita che vale tanto dal momento che dista 4 punti dalla zona rossa. Per quanto riguarda il Bologna virtualmente salvo non ha l’assillo del risultato a tutti costi.

Problemi di formazione per Diego Lopez (un’ex della partita ha allenato il Bologna in serie B) che dovrà rinunciare a  Farias, Dessena, e Joao Pedro quest’ultimo sospeso per doping. Modulo 3-5-2 con Cragno in porta, difesa formata da Ceppitelli-Castan-Pisacane, centrocampo folto con Faragò, Ionijita, Cigarini, Barella e Padoin, in attacco Sau e Pavoletti.

Anche per Donadoni problemi di formazione con Destro, Donsah, Torosidis e Helander fuori per infortunio, da valutare Palacio e Poli. Probabile 4-3-3 o un 3-5-2 schierato contro la Sampdoria. Nel primo giocherebbero con Mirante in porta, linea difensiva composta da Masina-De Maio-Gonzales-Mbaye, centrocampo a 3 con Poli, Nagy e Dzemaili. Al momento tridente se non ci saranno cambiamenti con Verdi-Palacio-Di Francesco.

Ha parlato Donadoni alla vigilia: “Il nostro obiettivo è superare i 41 punti dell’anno scorso. Mi è piaciuto lo striscione positivo nei miei confronti e cercheremo anche di far cambiare idea anche agli scontenti. Non è facile giocare sempre bene e vincere. Sappiamo che dobbiamo correggere degli errori.  Il Cagliari farà la partita della vita, ma noi dovremo essere pronti. Mancheranno diversi elementi ma sono contento per alcuni che hanno giocato poco abbia dato il meglio. Devono continuare su questa strada.”

Sulle voci che lo vorrebbero sulla panchina del Cagliari l’anno prossimo. “Ho letto ma non ho ricevuto nessuna chiamata. Sono stato bene lì è un ottimo ambiente sia per quanto riguarda la città sia per i tifosi”. Donadoni ha allenato gli isolani nella stagione 2011-2012.

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: