Diritti TV Serie A: Sky blocca Mediapro e Mediaset si defila. Lo scenario incerto preoccupa i club

Pubblicato il autore: Mimmo Visconte Segui

Si addensa di incertezza il futuro del campionato di serie A, per quanto riguarda la questione dei diritti televisivi del triennio 2018/2021. Il gruppo audiovisivo spagnolo Mediapro, come si sa da tempo, si è aggiudicata l’asta indetta dalla lega calcio, ed ha versato, il prezzo per il primo anno di trasmissione; Sky che ha sempre contestato la vittoria degli iberici, ha bloccato la concorrenza e almeno fino al prossimo 4 maggio, nessun club del massimo campionato avrà certezza del suo futuro, dal punto di vista televisivo. Lo scenario è incerto e il prossimo campionato rischia di partire senza alcuna tv nostrana al seguito. Sky Italia ha presentato ricorso contro il bando degli spagnoli ed esso è stato accolto in soli tre giorni, dai giudici del tribunale di Milano. Mediapro è solo un intermediario sulla questione, ma non è adatta a fare attività editoriale; stando così le cose, le offerte dovrebbero essere presentate il 21 aprile, ma tutto potrebbe slittare ulteriormente. Sky intende continuare a garantire un prodotto di qualità ai suoi abbonati, nella piena libertà giornalistica ed editoriale, e di voler continuare a contribuire al futuro del calcio italiano, dando certezza e stabilità ai club, sotto questo punto di vista. Questa è quindi la versione della piattaforma di Murdoch.

Ora torna tutto in gioco per l’acquisizione dei diritti, ma Sky è in nettissimo vantaggio, la decisione del tribunale programmata per il prossimo 4 maggio dirà molto sul futuro del nostro calcio in termini di Tv. Intanto Mediaset Premium, dopo tredici anni, lascia la trasmissione del campionato, defilandosi dall’offerta o meglio, essa esiste, ma non supera i 200 milioni di Euro e a quanto si apprende i canali premium Calcio, potrebbero essere oscurati. Per le piattaforme internet e Mobile è duello, tra Tim Vodafone. Mediapro, vorrebbe tenere i diritti, creando un canale televisivo della lega Calcio, ma questa ipotesi sarebbe poco percorribile e allora gli iberici dovrebbero rivendere i diritti, forzatamente, a meno che non trovi, un miliardo di euro, che serve per coprire il prezzo dei due anni restanti di trasmissione. Ricordiamo che quello del campionato 2018/2019 è stato già versato, ma la missione di Mediapro non sarà facile.

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: