Inter, Moratti: “Se i nerazzurri vinceranno contro la Juve la Champions sarà più vicina”

Pubblicato il autore: Gabriele Tufano Segui
MILAN, ITALY - NOVEMBER 05: FC Internazionale Milano fans show their support prior to the Serie A match between FC Internazionale and Torino FC at Stadio Giuseppe Meazza on November 5, 2017 in Milan, Italy. (Photo by Emilio Andreoli/Getty Images )

Foto Getty Images © scelta da SuperNews

Mancano tre giorni all’attesissima sfida tra Inter e Juventus e chi meglio dell’ex presidente dell’Inter, Massimo Moratti, può raccontarci le emozioni che questa sfida sa regale. Sull’edizione odierna del Corriere dello Sport, Moratti ha rilasciato un’interessante intervista in cui ha parlato del fascino di questa sfida, ma non solo. Infatti l’ex presidente nerazzurro ha analizzato il momento di forma vissuto dalle due squadre, le reali possibilità che entrambe hanno di conquistare i rispettivi obiettivi e altro ancora. Partendo dal derby d’Italia più affascinante che lui ricordi, Moratti afferma: “E’ una sfida speciale e dal grande fascino. Negli anni ce ne sono state di bellissime. Difficile citarne una sola anche perché qualche volta abbiamo vintoInter-Juve 2-0 nella stagione del Triplete è difficile da dimenticare. Fu una grande affermazione e ci permise di tornare primi in classifica. Se devo sceglierne una però dico un successo per 6-0 di quando ero bambino (1953-54). Battere in quel modo la Juventus per me che ero un giovane tifoso fu davvero speciale Di alcune sfide del passato meglio non parlare anche perché ora non conta. L’unica cosa che conta è vincere sabato”

Sulle chance che l’inter ha di superare la Juventus, sabato a San Siro, Moratti si dice fiducioso: “Mi sembra che l’Inter stia bene e, anche se non sempre sono arrivati i risultati: nell’ultimo periodo lo ha dimostrato. Le vittorie con il Cagliari e il Chievo sono state importanti per la classifica, ma la lotta per arrivare in Champions si deciderà solo all’ultima giornata”. Poi, l’ex presidente dell‘Inter sulla sfida dell’Olimpico contro la Lazio all’ultima di campionato che potrà essere decisiva per l’accesso in Champions League, esattamente come nel 2002 lo fu -in negativo- per lo scudetto, risponde: “Guardare troppo in là non serve. In situazioni come queste bisogna concentrarsi su un incontro alla volta. I calciatori si stanno giocando qualcosa di importante e non devono pensare ad altro che alla gara con la Juventus. Mi sembra già abbastanza”.

Sulla possibilità che la Juventus viva un momento di difficoltà dopo la sconfitta subita domenica scorsa contro il Napoli, Moratti la pensa così:  “La  Juventus rimane una grande squadra anche se ha solo un punto di vantaggio sul Napoli. Va affrontata bene e senza distrarsi”. In merito alla lotta scudetto, l’ex patron nerazzurro non si sbilancia: “Non lo so davvero, ma certo l’affermazione del Napoli a Torino ha riaperto i giochi. Adesso il finale di stagione sarà ancora più divertente”.

Su come sta vivendo l’attesa, l’ex presidente dell’Inter dichiara: “Da tifoso, ma la speranza è che finisca bene. Per l’Inter. In caso di vittoria contro la Juve arrivare tra le prime quattro sarà sicuramente più facile”. Poi ha continuato sull’importanza dei punti in palio: “A quattro giornate dalla fine, con la Juventus prima, a +1 sul Napoli, e l’Inter quinta, a -1 rispetto a Roma e Lazio, i tre punti hanno un grande significato per entrambe le squadre. Si giocano tutte e due moltissimo.

Su Spalletti, Moratti non ha dubbi: “Io mi fido di Spalletti che è bravo e mi auguro lo dimostri ancora una volta. E poi sono convinto che i giocatori sappiano sia quanto è prezioso per la società l’obiettivo che stanno cercando di raggiungere sia quanto è sentita la sfida contro la Juventus dai tifosi dell’Inter”.

Infine Moratti non pone l’accento sul fatto che l’eventuale vittoria dell’Inter, sabato, potrebbe spegnere le speranze scudetto della Juventus, sottolineando piuttosto: “La vittoria conta per l’Inter e per la sua classifica. E’ questa l’unica cosa importante”.

  •   
  •  
  •  
  •