Manchester City, in due anni speso il fatturato della Juventus per non andare oltre i quarti

Pubblicato il autore: Yuri Lo Stuto Segui

MANCHESTER, ENGLAND - DECEMBER 23: Manchester City manager Josep Guardiola looks on during the Premier League match between Manchester City and AFC Bournemouth at Etihad Stadium on December 23, 2017 in Manchester, England. (Photo by Clive Brunskill/Getty Images)

Oltre alla Roma capace di compiere un’impresa straordinaria, ieri sera anche il Liverpool è stato in grado di sovvertire il pronostico, andando a vincere prima 3-0 in casa e poi 1-2 all’Etihad Stadium contro il Manchester City di Guardiola. I citizens erano favoriti anche in chiave finale come il Barcellona, ma sono stati battuti per l’ennesima volta ai quarti di finale di Champions League, a dimostrazione che spendendo tanto non si può pretendere di vincere sicuramente. E’ una lezione che ha imparato anche il Paris Saint-Germain che è stato eliminato agli ottavi di finale dal più quotato Real Madrid. Milioni e milioni di euro spesi per fallire in modo banale.

Insomma un dato è da considerare: il Manchester City, da quando Guardiola si è seduto sulla panchina del club, ha speso la bellezza di 512 milioni di euro, una cifra che si avvicina molto all’intero fatturato della Juventus, che in tre anni è arrivata due volte in finale. Pur non disponendo di un budget esagerato, i bianconero sono riusciti ad avvicinarsi quanto meno al coronamento del sogno Champions League. Poi purtroppo la differenza l’hanno fatta i campioni di cui Barcellona e Real Madrid dispongono tuttora. Però bisogna ricordare che la Juve ha battuto, al pari della Roma quest’anno, i blaugrana 3-0, umiliandoli a Torino. Questa è la prova che dimostra come i soldi nel calcio contino fino ad un certo punto. Soprattutto in Champions League, perché alla fine vince chi sbaglia meno in assoluto. Inoltre per trionfare occorre avere dalla propria parte una buona dose di fortuna ma anche di incoscienza.

In questi anni il Manchester City ed il PSG hanno speso uno sproposito per vincere la Champions, ma alla fine per trionfare occorre avere una squadra, un gruppo unito di calciatori che rema dalla stessa parte.
Guardiola, anche nel Bayern Monaco ha faticato a raggiungere i quarti di finale pur avendo a disposizione un budget straordinario. Ieri è uscito dalla Champions League per il terzo anno consecutivo senza impressionare più di tanto, lamentandosi anche con la direzione arbitrale. Sì, proprio Guardiola quando nel 2016 diceva: “La Juventus è una grande squadra. Non deve lamentarsi con l’arbitro nemmeno di fronte ad errori grossolani.” Questa frase è stata pronunciata dopo l’eliminazione dalla Champions della Juve ad opera del Bayern Monaco allenato dallo stesso spagnolo. Una frase che ieri non contava più, a quanto pare. A dimostrazione di quanto Guardiola sia in difficoltà in questo momento in Europa.

  •   
  •  
  •  
  •