Milan in udienza all’Uefa, Fassone: “Sanzioni sicure, speriamo siano contenute”

Pubblicato il autore: Aote Segui
BERGAMO, ITALY - MAY 13: AC Milan CEO Marco Fassone looks on before the Serie A match between Atalanta BC and AC Milan at Stadio Atleti Azzurri d'Italia on May 13, 2017 in Bergamo, Italy. (Photo by Emilio Andreoli/Getty Images)

(Photo by Emilio Andreoli/Getty Images © scelta da SuperNews)

Giornata di udienza all’Uefa per il Milan, che davanti alla commissione dell’organo più importante del Calcio Europeo, ha analizzato la propria situazione con particolare riferimento al rispetto del Fai Play finanziario.
In attesa di sapere quali saranno gli esiti dell’incontro, risposta prevista per Maggio, l’Amministratore Delegato rossonero, Marco Fassone, traccia un quadro della situazione di certo on troppo lusinghiero per un Milan pronto ad affrontare possibili sanzioni: “Le precedenti gestioni non hanno rispettato i parametri,dunque è molto probabile che eventuali proposte di accordo dall’Uefa contemplino delle sanzioni. Quello che possiamo augurarci è che siano contenute“.
Il quadro economico presentato dal Milan ha però in se elementi che consentono di guardare alla situazione con maggiore ottimismo: “La nostra situazione è migliore rispetto alle aspettative dell’Uefa,inoltre, visto che la società ha un finanziamento con scadenza ravvicinata, abbiamo presentato delle carte che attestano come il fondo Elliott sia alle nostre spalle e garantisca la giusta copertura per qualsiasi evenienza“.
In casa Milan non viene neanche esclusa la possibilità che in società possa entrare un nuovo finanziatore cinese, che vada ad affiancare il presidente Li Yonghong: “Potrebbe arrivare con un nuovo finanziamento,ma questo dipende dall’eventuale azionista. Di Certo all’Uefa è stato fato un quadro molto chiaro della nostra situazione“.
Inevitabile una domanda sul futuro prossimo del Milan, in modo particolare con riferimento al prossimo mercato estivo: “Non saremo obbligati a vendere; la nostra idea è quella di inserire due o re calciatori facendone partire altrettanti. Crediamo di aver costruito una struttura di squadra che va integrata con degli elementi che, speriamo,possano farci fare il salto di qualità“.

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: