Astori, un caso ancora aperto: i medici chiedono altri 30 giorni per gli accertamenti

Pubblicato il autore: Antonio Guarini Segui

Astori, non è ancora arrivata la fine per il caso del capitano della Fiorentina scomparso. Sono passati poco più di due mesi dal quel maledetto 4 marzo. Una domenica che si è portata via Davide Astori, nel sonno. Le cause della morte del calciatore però non sono ancora certe. Servirà ancora un mese per il deposito della perizia medica sulla morte di Davide Astori, secondo quanto scrive l’Ansa. I medici legali Carlo Moreschi e Gaetano Thiene, che erano stati incaricati di svolgere l’autopsia sul corpo del capitano della Fiorentina, hanno chiesto alla Procura una proroga di 30 giorni per svolgere ulteriori accertamenti. Com’è noto, Astori è deceduto improvvisamente il 4 marzo a Udine, all’età di 31 anni, nel ritiro della squadra in vista della gara di campionato contro l’Udinese.

Leggi anche:  Inter-Real Madrid, le probabili formazioni: Benzema out, Conte lancia i fedelissimi?

Il primo responso dell’autopsia sul corpo di Astori, eseguita due giorni dopo, aveva individuato come causa del decesso una “morte cardiaca senza evidenze macroscopiche, verosimilmente su base bradiaritmica”. Un verdetto che evidentemente non è ancora definitivo, visto la necessità di svolgere altri accertamenti. Una morte dunque che ha ancora un velo di mistero. Non si sa ancora esattamente in quella stanza di albergo nella notte tra  il 3 e il 4 marzo. Nei giorni scorsi la famiglia Astori, a due mesi dalla sua scomparsa, aveva dedicato una pagina della Gazzetta dello Sport all’amato Davide. Un ricordo che resterà indelebile in tutti gli sportivi italiani. Una morte su cui si deve fare ancora più chiarezza. Davide merita questo, come minimo.

Astori, una morte ancora misteriosa

Un mese, ancora un mese per capire come sia spenta la vita di Davide Astori. Un giovane uomo, un atleta in piena attività, un marito e un padre. Tutto questo è stato Astori fino al 4 marzo scorso. Ci sono ancora degli interrogativi sulla sua scomparsa. Improvvisa, che ha lasciato un vuoto incolmabile per la sua famiglia. Un evento che ha scatenato la reazione positiva della Fiorentina.

Leggi anche:  Dove vedere Parma-Cosenza, streaming gratis e diretta tv RAI?

I ragazzi di Stefano Pioli hanno vinto 8 delle ultime 11 partite di campionato, facendo anche vittime eccellenti nel loro cammino. I viola sono ancora in corsa per un posto in Europa League. Probabilmente si giocheranno tutto nell’ultima giornata a San Siro contro il Milan. Rossoneri e viola, l’alpha e l’omega della carriera calcistica di Davide Astori. Anche questo è un segno del destino. Su questo non ci sono dubbi.

  •   
  •  
  •  
  •