De Laurentiis tuona: “La gente non parla ma ci hanno tolto lo scudetto. Futuro di Sarri? Ci incontreremo”

Pubblicato il autore: Giuseppe Biscotti Segui
during the pre-season friendly match between SSC Napoli and OGC Nice at Stadio San Paolo on August 7, 2016 in Naples, Italy.

Foto professionale Getty Images© selezionata da SuperNews

Aurelio De Laurentiis non ha proprio peli sulla lingua. Alla conferenza stampa di presentazione del ritiro estivo del Napoli a Dimaro, il presidente ha parlato di vari temi come il sogno scudetto ormai non più raggiungibile, il futuro di Sarri e la questione stadio sempre aperta con il sindaco De Magistriis.

De Laurentiis non le manda proprio a dire e si sente danneggiato per l’esito della corsa scudetto: “La distanza è di 6 punti, mantenendola anche all’ultima giornata, se ci sono stati rubati 8 punti io dichiaro che lo Scudetto è del Napoli e ce l’hanno levato. Qualcuno dell’organizzazione, il non applicare il VAR, il comportamento discutibile arbitrale.. Ce li hanno tolti o no? O non lo dite per paura? Il problema dell’Italia è anche il silenzio. La gente preferisce non parlare”

Sul tema rinnovo di Maurizio Sarri, ADL  preferisce lasciare ancora aperta la porta della permanenza del tecnico a Napoli:  “Lei non conosce Sarri, è votato al lavoro, non è interessato a nient’altro. E’ difficile per i familiari parlargli, io cerco di essere meno invadente possibile. Poi arriva un momento in cui però bisogna parlare, come a gennaio. Ci incontreremo prossimamente.”

Chiusura finale di De Laurentiis sulla situazione lavori del San Paolo che non si sblocca e frecciatina all’amministrazione locale: “Città difficilissima, complicatissima, con delle situazioni ambientali e di amministrazioni locali discutibili. Io mi sono sono sentito dire da Auricchio noi dobbiamo fare i lavori a settembre, ottobre, ma io ti ammazzo! Quando noi abbiamo la Champions. Tu vuoi penalizzare i tifosi per chiudere i settori durante la stagione. I lavori devono iniziare il 21 maggio, non dopo i concerti! Fanno i populisti, poi non pensano al Napoli! Mettetevi d’accordo”

  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  Maradona Codacons, comunicato shock dell'associazione dei consumatori: "Non santifichiamolo, gli eroi sono altri"