Joao Cancelo: “El Caballo Loco” idolo dei tifosi nerazzurri dal destino incerto

Pubblicato il autore: Alessandro Pallotta Segui

Foto Getty Images © selezionata da SuperNews

Corre su tutta la fascia, difendendo e attaccando con grande personalità e grinta: così il terzino portoghese, Joao Cancelo, ha conquistato i tifosi dell’Inter a suon di grandi prestazioni che hanno contribuito a portare l’Inter a giocarsi un piazzamento Champions fino alla fine del campionato. Sicuramente l’apporto tecnico aggiuntivo fornito dal portoghese (dopo che ha appreso i dettami tattici di Spalletti) e da Rafinha (arrivato in prestito dal Barcelona a Gennaio) è risultato essere decisivo in questo rush finale dei nerazzurri che, dopo la sconfitta di Genova (2-0), ha totalizzato 6 vittorie, 3 pareggi e 2 sconfitte (contro Torino e Juventus).

Joao Cancelo: “El caballo loco” che ha fatto innamorare i tifosi nerazzurri

Joao Cancelo nasce il 27 di Maggio del 1994, nato ad un paese vicino Lisbona: Barreiro (patria anche del difensore dello Stoke, Martins Indi ndr.). Come tutti i ragazzini appassionati di calcio, João inizia a giocare per strada con gli amici, migliorando giorno dopo giorno, fino a quando non inizia la sua esperienza nelle giovanili del Barreirense (dal 2002 al 2007). Le sue grandi qualità non passano inosservate: appena il giovane talento portoghese compie 14 anni, viene preso nelle giovanili del Benfica, tappa fondamentale della sua carriera.
Debutta con la maglia del Benfica nell’amichevole contro il Gil Vigente, il 28 di Luglio del 2012; giocando inizialmente come laterale d’attacco, dimostrando ottime abilità di corsa, possesso e tecnica che gli hanno permesso di essere convocato nella Nazionale Portoghese Under 19, Under 20 e Under 21. Proprio durante i primi passi mossi nel Benfica, che l’Inter con l’allora osservatore Casiraghi, s’interessò al talento portoghese, senza però riuscire a portarlo a Milano.

Il 10 di Maggio 2014, gioca la sua prima e ultima partita da titolare con la prima squadra nella partita persa 2-1 contro il Porto e  nella stessa Estate, passa al Valencia per ben 15 milioni di euro. Un vero cambiamento nella vita di un ragazzo che, qualche mese prima ha rischiato di perderla. Nel Gennaio del 2013 infatti, è stato coinvolto in un gravissimo incidente stradale insieme alla madre, che purtroppo non ce l’ha fatta. Un ancora, un punto di riferimento, andato via nel peggiore dei modi, troppo presto. Da allora una frase lo accompagna sempre: “In  ogni passo della mia vita so che avrò sempre mia madre accanto, è nel mio cuore”. Inoltre nei suoi scarpini ha inciso le parole “Mommy bless me” (mamma benedicimi), frase presente in ogni suo post social. Ma ciò che riserva il destino non dev’essere considerato come una catena che ti tiene ancorato al basso, ma un occasione per guardare in alto e spiccare il volo. Così quel talentoso ragazzino che giocava con i propri amici per le strade di Barreiro, è diventato uno dei punti fermi del Valencia, che ne ha annunciato l’acquisto il 25 Maggio 2015. Nel Club spagnolo colleziona 74 presenze, 2 goal, prestazioni da incorniciare, diventando uno dei terzini più ricercati in Europa, su di lui le attenzioni di club come Barcelona, Chelsea e Real Madrid.
Nell’Agosto del 2016,  viene convocato per la prima volta in Nazionale Maggiore, dal Ct Santos; debuttando il primo Settembre seguente, giocando dal 1′ contro il Gibilterra e siglando un goal.
Ora per il terzino portoghese è arrivato il momento di confermarsi in un altro campionato: il 22 Agosto 2017, passa all’Internazionale Milano in prestito con il diritto di riscatto, in cambio del prestito con diritto di riscatto del francese Kondogbia. In nerazzurro il portoghese non ha un inizio semplice, complice un infortunio ma, con il passare dei mesi, conquista i propri tifosi a suon di prestazioni maiuscole: 21 partite giocate, 1 goal, 3 assist e media voto del 6.30 (Fantagazzetta). Al tramonto della stagione in prestito all’Inter, per Cancelo ancora il futuro è incerto: resterà in nerazzurro o tornerà al Valencia per poter essere girato ad un’altra squadra?

Un riscatto complicato

Joao Cancelo ha dimostrato di essere quel giocatore che, anche nei momenti difficili della partita, si erge a punto di riferimento della squadra ed è stato in grado di garantire quella qualità sulla fascia, che i tifosi nerazzurri non vedevano dai tempi di Maicon.
Quindi, se da un lato non ci sono dubbi sulla qualità del terzino portoghese, dall’altro c’è un rebus che riguarda il suo riscatto dal Valencia.
Secondo quanto riportato dalla Gazzetta dello Sport il Valencia non concede deroghe o sconti: o l’Inter versa 35 milioni entro il 30 maggio, oppure il portoghese torna in Spagna e sarà venduto ad una cifra maggiore con Juventus, Real Madrid e Chelsea interessate al giocatore.
L’ostacolo fair play finanziario (vanno recuperati 40 milioni in plusvalenze da qui al 30 giugno) sembra essere dunque insormontabile per la società nerazzurra.
La società deve trovare però una soluzione, il mancato riscatto di Cancelo infatti, sarebbe un danno d’immagine molto grande per Suning e la proprietà nerazzurra che ha dichiarato a più riprese, di voler riportare l’Inter tra i più importanti club europei. Sui Social intanto i tifosi si scatenano con gli hashtag in favore della permanenza del portoghese.

 

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: