Massimo Moratti su Inter-Juve: “Noi vittime di situazioni strane”

Pubblicato il autore: Andrea Medda Segui
MILAN, ITALY - NOVEMBER 05: FC Internazionale Milano fans show their support prior to the Serie A match between FC Internazionale and Torino FC at Stadio Giuseppe Meazza on November 5, 2017 in Milan, Italy. (Photo by Emilio Andreoli/Getty Images )

Foto Getty Images © scelta da SuperNews

Inter-Juventus sfida infinita. A tornare sul contestato arbitraggio del derby d’Italia è stato uno che di big match come quello di sabato scorso ne ha vissuto davvero parecchi. In occasione dell’incontro che lo ha visto protagonista all’Istituto nazionale dei tumori di Milano, l’ex presidente nerazzurro Massimo Moratti non è riuscito a trattenere il proprio disappunto riguardo la direzione arbitrale e la sconfitta degli uomini di Spalletti ad opera dei bianconeri.

La solita storia – “Per tanti interisti è stato come un ritorno al passato, di colpo ti sei risentito coinvolto in pieno nella storia di una volta. Nel fatto di essere vittima di situazioni strane. Partite come quella di sabato ti fanno sentire ancora più interista“, così Massimo Moratti non le manda certo a dire ai rivali di sempre e al sistema calcio. Poi sul fallo di Pjanic e la mancata espulsione del centrocampista bianconero commenta: “Io l’ho vissuta, molto sinceramente, con molta ansia: il fallo di Pjanic faceva parte di quella guerra che c’era in campo, mi sembrava che ogni momento fosse quello buono perché accadesse qualcosa di nuovo. Poi c’è stato un altro fallo su Cancelo: ci sono molte cose che non quadrano“.

Ritorno al passato? – C’è chi ha paragonato la mancata espulsione di Pjanic con il famoso fallo di Iuliano su Ronaldo nel ’98. Moratti commenta così il paragone: “Non prenderei quello che è successo nel ’98 come termine di paragone rispetto a sabato scorso, posso però dire che ho visto di nuovo le immagini di allora e non capisco come Ceccarini abbia potuto dire che era fallo di Ronaldo“.

VAR importante – In Inter-Juventus il VAR ha potuto poco. La direzione di Orsato è andata ben oltre le possibilità della moviola, ma Massimo Moratti sa perfettamente che la tecnologia e la moviola in questo senso possono davvero risultare decisivi “Il VAR? Credo sia molto importante, perché toglie ogni dubbio: giustissimo introdurlo, si è visto nelle sfide di Champions che una gara senza VAR ti toglie qualcosa“.

  •   
  •  
  •  
  •