Napoli, De Laurentiis prova a trattenere Sarri e propone: “Abolire la Champions League”

Pubblicato il autore: Andrea Medda Segui
during the pre-season friendly match between SSC Napoli and OGC Nice at Stadio San Paolo on August 7, 2016 in Naples, Italy.

Foto professionale Getty Images© selezionata da SuperNews


Aurelio De Laurentiis
non si smentisce. Il patron del Napoli, intervenuto al 19esimo convegno dei Giovani imprenditori edili Ance, ha dato vita al solito show. Il presidente partenopeo infatti ha un sogno da realizzare: far nascere una nuova competizione che possa sostituire l’attuale Champions League.

L’idea di De Laurentiis

Il numero uno del Napoli avrebbe infatti proposto “un campionato con gare d’andata e gare di ritorno da giocare il mercoledì e il giovedì”. Ipotesi anche interessante ma che stona con i numeri impegni già presenti nel calendario delle squadre di Serie A e di tutti i massimi campionati. Ogni club sarebbe costretto a giocare la regolare competizione nazionale composta da 38 gare a cui andrebbero sommate ulteriori 38 sfide per dar vita al nuovo campionato. Un’idea, obiettivamente, poco realizzabile. Il numero di partite diventerebbe insostenibile (76 gare) e andrebbe inevitabilmente a causare diversi problemi a tutte le società oltre che intaccare la condizione fisica dei calciatori che sarebbero chiamati al doppio dello sforzo durante l’arco di un’annata. La strana proposta di De Laurentiis sembra dunque dover rimanere tra le tante affermazioni al limite della goliardia tipiche del patron partenopeo.

Leggi anche:  Calciomercato, Atletico M. su Milik: il polacco lascerà Napoli

De Laurentiis prova a trattenere Sarri

Ma a Napoli esiste un altro tormentone che sembra preoccupare non poco l’ambiente: il futuro di Maurizio Sarri. La questione legata al tecnico toscano non si è ancora risolta. Il presidente De Laurentiis, dopo i complimenti pubblici e una serenità apparentemente ritrovata con l’allenatore, sembra aver proposto durante la cena di fine stagione, un nuovo contratto con tanto di adeguamento sullo stipendio. La realtà è che Sarri vuole garanzie sul mercato e sulla rosa per la prossima stagione. Inoltre molti club si sono fatti avanti, più o meno insistentemente, e lo vorrebbero portar via da Napoli. Secondo quanto riporta La Gazzetta dello Sport, infatti, il Chelsea dopo la finale di FA Cup sarebbe pronta all’assalto pagando la famosa clausola da 8 milioni presente sul contratto di Sarri. Ma nelle ultime ore, anche lo Zenit dell’ex tecnico Roberto Mancini pare essersi interessato al quasi 60enne. L’offerta del club russo sarebbe faraonica. Si parla di un ingaggio che si aggira tra gli otto e i nove milioni di euro all’anno circa per due o tre stagioni. De Laurentiis e Sarri parlano ma attenzione quindi ai pericolosi inserimenti dall’estero.

  •   
  •  
  •  
  •