Platini rivela l’imbroglio di Francia 98. Ziliani e Biasin lo attaccano su Twitter

Pubblicato il autore: Giuseppe Biscotti Segui
LONDON, ENGLAND - JANUARY 30: A Nike Ordem winter match ball lies in the goal net before the Premier League match between West Ham United and Crystal Palace at London Stadium on January 30, 2018 in London, England. (Photo by Catherine Ivill/Getty Images)

Foto Getty Images © scelta da SuperNews

Michel Platini ha confessato di aver pilotato i sorteggi dei Mondiali di Francia ’98 per ottenere che Francia Brasile non si incontrassero prima della finale. Nel corso di un’intervista ai microfoni di Radio France, l’ex presidente della Uefa dal 2007 al 2015 rivela: “Nel 1998 ero co-presidente del Comitato Organizzatore di France ’98 insieme a Fernand Sastre. Al momento di definire il calendario, abbiamo fatto una piccola ‘manovra’. Se noi avessimo chiuso al primo posto nel nostro gruppo, e se il Brasile fosse terminato primo nel suo, le due squadre non avrebbero potuto incrociarsi se non in finale”.

Il collocamento delle due squadre nel tabellone fu così deciso a priori a tavolino e non sorteggiato in maniera causale: il Brasile finì nel girone A con Scozia, Marocco e Norvegia, mentre la Francia nel girone C con Danimarca, Arabia Saudita e Sudafrica. Platini aggiunge: “Non ci siamo annoiati durante i sei anni trascorsi nell’organizzazione della Coppa del Mondo. Credete che gli altri non abbiano fatto cose simili prima? Francia-Brasile era il sogno di tutti” . L’ironia della sorte fu che proprio le due squadre si incontrarono successivamente in finale con i francesi che  raggiunsero il loro primo storico successo nella Coppa del Mondo.

La reazione sul web di Ziliani e Biasin. La rivelazione choc di Platini ha fatto rapidamente il giro del web, ricevendo numerose critiche anche in Italia. Paolo Ziliani, giornalista de  Il Fatto Quotidiano noto per la sua storica antipatia verso i colori bianconeri, ci va giù molto pesante su Twitter: “L’uomo che segnò il rigore all’Heysel e esultò come un pazzo davanti a 39 morti ammazzati. Ma anche il presidente Uefa fatto fuori per corruzione, conferma con questa rivelazione la sua natura di juventino doc. E tutti continuano a lisciargli il pelo.”
Fabrizio Biasin, giornalista di Libero, è convinto che Le Roi non abbia rivelato proprio tutto e commenta così la vicenda: Platini che confessa di aver pilotato la composizione dei gironi a Francia ’98 è come Lupin che ammette di aver rubato un Mars alla Standa. Esci le altre porcherie Michel!”

 

 

  •   
  •  
  •  
  •