Altafini: “Vivo con 700 euro al mese. Io come Icardi con Maxi Lopez. Sky mi ha mandato via…”

Pubblicato il autore: Giuseppe Biscotti Segui

Mauro Icardi – Foto Getty Images© scelta da SuperNews


Josè Altafini
é stato un indimenticato giocatore di squadre come Milan, Napoli Juventus, nonchè commentatore tecnico di Tele+ e Sky. Intervistato da Il Corriere della Sera, l’ex calciatore italo-brasiliano dichiara di esser costretto ancora a lavorare per sopravvivere, nonostante i suoi ottanta anni. In particolare, Altafini rivela: “io non ho la pensione da calciatore, non sono riuscito a farla. Ho versato solo tre anni di contributi. Quando ero andato a chiedere il riscatto mi avevano chiesto 70 milioni di lire di arretrati e ho detto ciao amici. Ho la pensione sociale: 700 euro al mese. Diciamo che se sono tornato un poco’ alle origini, ma le scarpe ce le ho ancora eh”.

Altafini fu al centro di un triangolo amoroso simile a quello che ha coinvolto recentemente Icardi, Wanda Nara Maxi Lopez. Lui però ci tiene a precisare: “Questa storia di Barison la devo raccontare bene una volta per tutte. Eravamo compagni di squadra e amici al Milan e poi al Napoli. Quando è scoccata la scintilla, i nostri matrimoni, che già traballavano all’epoca del Milan, erano praticamente finiti. Io stavo ancora con Eleana, che avevo sposato a 17 anni in Brasile e mi ha dato due figlie. Con Anna siamo ancora insieme. Voglio dire, è stata una cosa seria, non un tradimento. Come Icardi, lui l’ha sposata e hanno pure dei figli, cavolo“.

Altafini è stato per tanti anni un volto noto del giornalismo sportivo della pay-per-view italiana, famoso per alcune frasi colorite  durante le telecronache. Nel prosieguo dell’intervista spiega i motivi per il quale non si vede più in televisione da tempo: “Sono arrivati in Sky dei personaggi che mi facevano la guerra per prendere il mio posto e io ho detto tanti saluti, amici. In Italia a volte viene premiata la raccomandazione e non la competenza. E poi mettono i giovani che urlano senza fantasia. Quando li sento abbasso il volume. Io ho inventato il manuale del calcio, il golasso…”.

  •   
  •  
  •  
  •