Il Brasile vincerà i Mondiali 2018, lo prevede l’algoritmo di Goldmann Sachs. Germania finalista

Pubblicato il autore: Luciano Nervo Segui
LIVERPOOL, ENGLAND - JUNE 03: Gabriel Jesus of Brazil looks on during the International friendly match between of Croatia and Brazil at Anfield on June 3, 2018 in Liverpool, England. (Photo by Alex Livesey/Getty Images)

Gabriel Jesus – Foto originale Getty Images© selezionata da SuperNews

Negli anni scorsi si sono sempre fatti dei pronostici sugli esiti dei vari Mondiali, ma sempre basandosi sulla pura casualità, o lasciando “decidere” ad animali (vedi il polpo Paul per il Mondiale del 2010) a cui vengono attribuite abilità magiche, che gli permettono di prevedere non solo il vincitore finale del torneo più famoso e seguito del mondo, ma anche di pronosticare i risultati di partita in partita. Quest’anno sembra che l’animale magico ufficiale sarà Achille, un gatto bianco sordo. Ma per il Mondiale di Russia non ci si fermerà sul semplice piano della magia, ma si è voluto calcolare il tutto più nel dettaglio, e affidandosi più alla razionalità che altro.

Infatti i data-analyst di Goldman Sachs, una delle banche d’affari più importanti del mondo, si sono messi al lavoro per arrivare alla creazione di un algoritmo che possa calcolare le probabilità di ogni singola squadra di passare ogni turno, e da lì poi ricavare il verdetto finale. Partendo da oltre 200 mila modelli statistici, che comprendono dati  sui singoli calciatori e sulle squadra in generale, e ricorrendo all’utilizzo di intelligenza artificiale e al machine learning sono arrivati ad una conclusione. Le probabilità, che sono state pubblicate sul report “The World Cup and Economics”, dicono che con il 18,5% la favorita per la vittoria finale è il Brasile di Neymar, dato per favorito un po’ in tutto il mondo. Seconda sarebbe la Francia di Pogba con l’11,3%, ma già qui nasce la prima incongruenza tra l’algoritmo e il verdetto dei data-analyst. Infatti per loro, che hanno calcolato oltre un milione di possibiltà, dicono che comunque in finale ci sarà il re-match tra Brasile e Germania.

Sempre secondo loro dunque il Brasile vincerà i Mondiali 2018, vendicando così il 7-1 subito in casa propria. Ma spunta un’altra sorpresa, anzi due. La Russia ospitante si dovrebbe fermare ai gironi, dal quale uscirebbe come primo l’Uruguay, e come seconda, incredibilmente l’Arabia Saudita, escludendo dalla competizione alla prima fase anche l’Egitto di Momo Salah. Spagna, Inghilterra e Argentina si dovrebbero fermare appena ai quarti.

Ma non si sono fermati qui, infatti come si sa il calcio è uno degli sport più difficili da prevedere in assoluto, in quanto all’interno di quei 90 minuti può succedere di tutto. Quante volte è stata, nella storia di questo sport, la sfavorita ad avere la meglio sulla stra-favorita grazie ad un gol segnato molto fortunatamente magari segnato anche sullo scadere? E’ proprio per questo che rende questo sport uno dei più belli, ed è per questo che sempre gli stessi di Goldman Sachs hanno dovuto chiamare in causa un esperto di questo sport, e che non potesse essere di parte: Carlo Ancelotti.

Il neo allenatore del Napoli ha confermato le previsioni, sostenendo in particolare l’allenatore brasiliano Tite, elogiandone l’abilità di bilanciare con una solida difesa quella che è una delle rose più offensive della competizione. Dà anche un pronostico sulle outsider, sbilanciandosi in favore del Belgio e dell Croazia, tralasciando il Portogallo del suo grande amico Ronaldo. Quello che però succederà sul campo non lo può predire nessuno.

  •   
  •  
  •  
  •