Mondiale 1954, Austria-Svizzera da record: maggior numero di reti segnate in assoluto

Pubblicato il autore: Emmanuele Sorrentino Segui
VALENCIA, SPAIN - FEBRUARY 08: Official ball of the 2018 FIFA World Cup prior to the Copa de Rey semi-final second leg match between Valencia and Barcelona on February 8, 2018 in Valencia, Spain. (Photo by Manuel Queimadelos Alonso/Getty Images) mondiale 1954

Foto Getty Images© scelta da SuperNews

Mondiale 1954 nella storia: l’edizione del torneo in questione, svoltosi in Svizzera dal 16 giugno al 4 luglio, verrà ricordato per un motivo davvero eccezionale.
Siamo quasi agli albori dei campionati mondiali di calcio: la manifestazione, intitolata ancora una volta a Jules Rimet e disputatasi in terra elvetica, era alla quinta edizione, con solamente sedici squadre partecipanti che si contendevano la Coppa prendendo parte alle gare che si giocavano in appena sei impianti sportivi. Le città ospitanti erano nella circostanza Basilea, Berna, Ginevra, Losanna, Lugano e Zurigo.
Ulteriore peculiarità del Mondiale 1954 fu che per la prima volta nella storia l’edizione di un campionato del mondo venne trasmessa in televisione: la neonata Rai fu la prima emittente a mandare in onda le sfide della competizione.
Tornando alla motivazione per la quale tale manifestazione verrà ricordata nella storia, in Svizzera si è disputata la partita con più reti siglate in assoluto nella storia delle fasi finali di un campionato mondiale di calcio: furono siglate dodici reti in totale, in uno scenario davvero particolare per i motivi che seguono.

Austria-Svizzera, cronaca del quarto di finale del Mondiale 1954

Come detto, la manifestazione in Svizzera verrà ricordata per un particolare motivo, o meglio per una partita davvero eccezionale: in uno dei quarti di finale in programma, il 26 giugno 1954, allo Stade Olympique de la Pontaise di Losanna, si affrontarono Austria-Svizzera, con fischio d’inizio previsto alle ore 17.00.
Era un caldissimo pomeriggio d’estate, la temperatura sfiorava i 40° C all’ombra: il regolamento del giuoco del calcio, a quei tempi, non prevedeva le sostituzioni. Per questo motivo i calciatori in campo risentirono particolarmente gli effetti del clima afoso.
In appena venti minuti la Svizzera si portò sullo 0-3: aprì le danze Robert Ballaman al 16′, seguito dalla doppietta di Josef Hügi, al 17′ e al 19′. Il triplo vantaggio degli elvetici fu in parte giustificato dal colpo di sole subito dal portiere austriaco Kurt Schmied: l’estremo difensore si mostrava stordito dall’effetto del caldo a tal punto da essere supportato dal massaggiatore della nazionale austriaca, il quale da dietro suggeriva come e dove parare.
L’Austria, però, non demorde e in appena 15′ ribalta il risultato, passando in doppio vantaggio: prima Wagner, autore di una momentanea doppietta (25′ e 27′), insieme ad Alfred Körner, (26′ e 34′), infine Ocwirk (32′). Gli austriaci si portano sul 5-3, prima che gli elvetici accorcino le distanze con Ballaman al 39′.

Le alte temperature ed il clima afoso non facilitava i calciatori in campo: in particolare, nel corso del match, il capitano della Svizzera, Roger Bocquet, svenne in campo, mostrando i sintomi di un evidente collasso, costretto alla stregua ad abbandonare il rettangolo di gioco.
La sfida valida per i quarti di finale del Mondiale 1954 continua in uno scenario alquanto apocalittico: c’è ancora il tempo per vedere le reti del solito Wagner (53′), che porta gli austriaci sul 64, autore evidentemente di una tripletta, di Hügi, anch’egli in tripla marcatura, che al 60′ accorcia le distanze per gli elvetici, fino al definitivo 7-5 siglato da Probst (76′), che chiude definitivamente la contesa.
La sfida Austria-Svizzera verrà ricordata nella storia dei Mondiali come la gara con più reti siglate in assoluto, ben 12 per la precisione. Passerà inoltre alla storia come l’infuocata battaglia di Losanna: “infuocata non solo per l’agonismo prodotto in campo, ma proprio per la temperatura che ebbe picchi ben superiori ai quaranta gradi“, come sottolineato dai giornalisti Carlo Pizzigoni e Federico Buffa nel libro Nuove Storie Mondiali, edito quest’anno da Sperling & Kupfer.
Il quarto di finale del Mondiale 1954 terminò con il successo dell’Austria: in semifinale la squadra allenata dall’allora commissario tecnico Walter Nausch affrontò la Germania Ovest, contro la quale perse nettamente con il risultato di 6-1. Magra consolazione il successo nella finale per il terzo posto, vinta contro l’Uruguay per 3-1.

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: